Il Primato Nazionale mensile in edicola

Banjul, 20 gen – Il turismo sessuale è sovente visto come uno strumento di oppressione degli occidentali su povera gente dell‘Asia o dell’Africa. E’ molto tempo, però, che la tendenza sembra essersi invertita. Sono sempre di più le donne del Nord Europa che in Africa si trovano dei baldi giovani con cui spassarsela in vacanza. Molti di loro accettano di buon grado il loro ruolo di “gigolò”, altri puntano più “in alto”: vogliono l’Europa. E una pagina di informazioni del Gambia mette in guardia i suoi volenterosi ragazzi sui tipi di europee da evitare se vogliono un permesso di soggiorno.

“Evita le svedesi e le inglesi”

“Sei un nullafacente o un gambiano in cerca di una donna europea? Evita questi tipi che ti elenchiamo” si legge nel posti di What’s on Gambia. “Una donna svedese sposata con un gambiano e con figli ti farà solo perdere tempo. Le possibilità che ti porti in Svezia sono molto, molto scarse“. “Evita una donna britannica o nordica che ti scatta sempre foto ogni volta che si è insieme. Potrebbe essere alla ricerca di una storia da vendere a un giornale scandalistico nel suo paese”. E ancora: “Una donna che porta sempre con sé il preservativo in Gambia. Cerca solo sesso. Dille che non sei un giocattolo!“.

“Non ti porterà mai in Europa!”

“Una donna che visita la Gambia più di due volte all’anno e talvolta rimane per più di sei settimane. Non ti porterà mai nel suo paese. Dimenticalo!”. Insomma, altro che amore disinteressato e addirittura altro che amore mercenario: qui si parla chiaramente di puntare le “prede” migliori per avere, infine, un matrimonio e la cittadinanza. “Cioè, criticate le donne europee, ma vi sta bene che i gambiani le frequentino solo per avere un visto?” commenta qualcuno sotto il post incriminato. Qualcun altro, invece, è molto più serafico: “Non vi preoccupate, i gambiani che vanno con queste donne sanno benissimo di essere dei giocattoli!”. Probabilmente è l’utente che ha tolto il velo di Maya: a questi gambiani il ruolo di giocattolo va benissimo e se poi riescono ad arrivare in Europa con una bella moglie bionda e dagli occhi azzurri … hanno fatto tombola!

Ilaria Paoletti

9 Commenti

    • quello che le donne europee cercano in Africa equivale al 100% al turismo in cerca di sesso dei maschi nostrani in Thailandia, Filippine, Brasile ecc. Nulla più, nulla meno.

  1. Vorrei esprimere solidarietà al negretto della foto… Copulare con la donna che lo tiene per mano dev’essere un esercizio di puro stoicismo! Io in Africa ho vissuto per 4 anni, e ho veduto di tutto, la particolarità di questi subumani maschi, è quella di pensare di avere anche un’etica. Quando ero in kenya vedevo le donne tedesche, inglesi e svizzere che si trastullavano con i ” Beach Boys “, così vengono chiamati i prostituti da spiaggia; in Senegal trovai le francesi, spagnole e italiane. Ho sempre pensato che, per le donne deve comunque essere più facile, (seppur ugualmente disgustoso), avere un rapporto carnale con qualche anziano, basta aprire le cosce e chiudere gli occhi. Ma immaginate, come risulti, quasi insormontabile, per un maschio che deve avere un erezione, penetrare uno Yeti come quello nella fotografia! Questi negroidi non hanno il minimo amor proprio, sono senza orgoglio e dignità, e il mondo occidentale, grazie alle ” Quinte Colonne ” nostrane sta importando quest’immondizia umana, che si reca, clandestinamente, in Europa solo con lo scopo prefissato di trovare qualche befana da raggirare, per far mantenere lui e i suoi innumerevoli parenti, vita natural durante. Sono desolato e disgustato, ma, la nostra civiltà, è destinata a crollare, anche, a causa della mancanza di moralità che ammanta i nostri simili, schiavi della sessualità pure in tarda età.

  2. Bastardi questa pagina siete qui a scrivere quello che volete ma mai verre storie ogni volta che scrivete Fanculo a voi che siete scarci giornalisti

Commenta