Roma, 11 gen – Chi è l’uomo che ha accoltellato stamani sei persone alla stazione Gare du Nord di Parigi? Stando a quanto appreso dalla radioemittente francese Europe 1, si tratta di un algerino di 31 anni e avrebbe colpito gridando “Allah Akbar”. Potrebbe dunque trattarsi di un attacco terroristico, a differenza di quanto fatto trapelare inizialmente da fonti vicine agli inquirenti. La procura di Parigi ha comunque aperto un’inchiesta, per tentato omicidio, affidata alla polizia giudiziaria transalpina.

Parigi, “attentatore algerino, gridava ‘Allah Akbar’”

Come riportato da Europe 1, l’accoltellatore fermato dalla polizia avrebbe gridato “Allah Akhbar” durante l’attacco. Un elemento che gli inquirenti stanno verificando, interpellando testimoni e persone aggredite. L’indagato, addosso al quale non è stato trovato alcun documento, ha comunque affermato di essere algerino, dicendo di chiamarsi Mohamed Amine M., un nome sconosciuto alla polizia. L’uomo, stando sempre a quanto appreso dalla radioemittente francese, avrebbe poi detto di essere nato il 14 aprile 1991. Avrebbe dunque 31 anni. Gli inquirenti stanno ora verificando le sue dichiarazioni.

Le vittime dell’aggressore, fortunatamente, hanno riportato solo ferite lievi. L’uomo è stato immobilizzato dagli agenti, che prima ancora gli avevano sparato, ferendolo. L’arma usata dall’aggressore sarebbe simile a un punteruolo utilizzato per “forare” i muri. Il ministro dell’Interno francese Gerard Darmanin ha commentato così l’accaduto su Twitter: “Un individuo ha ferito diverse persone questa mattina alla Gare du Nord. È stato rapidamente neutralizzato. Grazie alla polizia per la sua reazione efficace e coraggiosa”.

Il ministro dell’Interno francese, si è anche recato, praticamente subito, alla stazione Gare du Nord, complimentandosi anche dal vivo con le forze dell’ordine per la pronta reazione. L’attentatore è stato portato in custodia. Sebbene sia stato organizzato un perimetro di sicurezza attorno al luogo dell’attentato, la stazione di Gare du Nord di Parigi sta continuando a funzionare regolarmente, nonostante il blocco o la partenza in ritardo di alcuni treni.

La Redazione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta