Il Primato Nazionale mensile in edicola

 

TUNISIAUNO-1697-keTB-U10601229679886HC-700x450@LaStampa.itAGGIORNAMENTO, 27 giu ore 8.00 – Le vittime accertate dell’attacco al villaggio turistico di Port el Kantaoui sarebbero in totale 38, che diventano 39 se si conteggia anche uno dei terroristi -sembra legati all’Isis– che è rimasto colpito a morte. “La maggioranza delle vittime sono britannici, poi tedeschi, belgi e di altre nazionalità”, ha spiegato in una nota il primo ministro Habib Essid.

Sono 36 invece i feriti, molti dei quali in gravi condizioni e che potrebbero aggravare il bilancio dei decessi. Lo riferisce il ministro della Sanità Chokri Nafti.

Intanto emergono alcuni particolari in più sulla vicenda. I terroristi sarebbero entrati nel villaggio non armati, per poi ritirare i kalashnikov nascosti in precedenza in un ombrellone. Le scene all’interno della località turistica sarebbero state da incubo, con gli stranieri rincorsi in ogni luogo dalle spiaggia alla piscina e fino alle camere. I fondamentalisti hanno invece risparmiato tutti gli inservienti, di nazionalità tunisina.

Tunisi, 26 giu – Nuovo, sanguinoso attacco terroristico in Tunisia. Uomini armati hanno attaccato un resort di lusso a Sousse, nel golfo di Hammamet:

Ancora incerto il numero di vittime, ma almeno 37 persone sarebbero rimaste uccise secondo fonti del ministero degli Interni citate dalla France Presse. Di certo uno degli attentatori è stato colpito a morte, mentre sarebbero almeno sette i turisti uccisi.

Almeno un uomo armato di kalashnikov ha fatto irruzione nella hall del Riu Imperial Marhaba di Port El Kantaoui, a circa 10 km dalla città. Contemporaneamente sono stati sentiti “colpi d’arma da fuoco” sulla spiaggia davanti al resort. Anche un altro albergo è rimasto coinvolto: “L’attacco si è verificato in due hotel, l’operazione è ancora in corso”. Almeno un attentatore sarebbe stato ucciso. La spiaggia su cui si affaccia il resort è quella di Kantaoui. La Tunisia da tre mesi è in allerta elevata a seguito della strage del Museo del Bardo dello scorso marzo: il 18 marzo un commando armato assalì il museo provocando la morte di 24 persone, tra cui 21 turisti, di cui 4 italiani. Un utente Instagram ha pubblicato intorno alle 13.20 due fotografie che mostrano due corpi a terra, su una spiaggia. L’utente ha taggato le immagini con il nome dell’albergo oggetto dell’attacco, anche se al momento non è stato possibile verificare l’autenticità dello scatto.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta