DSC_1480Naypyidaw, 15 ott – Oggi nella capitale birmana Naypyidaw è stato firmato l’accordo per il cessate il fuoco tra il governo e i gruppi etnici. Alla cerimonia hanno partecipato anche alcuni esponenti di Cina, India, Giappone, Unione Europea e Nazioni Unite. Non ne ha preso parte invece la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi, poiché il premio Nobel considera l’accordo monco, non comprendendo varie componenti nazionali. Non a caso hanno posto la firma 8 minoranze etniche su 15.

Il cessate il fuoco è stato fortemente voluto prima delle elezioni dell’8 novembre dal presidente birmano Thein Sein: “E’ un dono che lasciamo alle generazioni future – ha dichiarato – lavoreremo ancora più duramente per farlo firmare a più formazioni possibili”. Nonostante le dichiarazioni entusiaste di Thein Sein, in Birmania continuano le violenze dell’esercito contro le minoranze etniche e bisogna ricordare che molti gruppi armati non hanno accettato questo accordo e non deporranno le armi. Tra questi il K.N.D.O del generale Nerdah Mya, da noi intervistato proprio nella giornata di ieri.

Dal nostro inviato in Birmania Guido Bruno

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here