Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 18 mar – Brexit sempre più in bilico. Anzi, per adesso non s’ha da fare. Il premier britannico Theresa May ha infatti precisato oggi che se non riceverà il via libera dal Parlamento all’accordo con Bruxelles, c’è la seria possibilità che la Gran Bretagna “non lascerà l’Ue per molti mesi, forse mai”. Una storia infinita che potrebbe dunque finire, forse, con un nulla di fatto. Con il voto dei cittadini britannici stracciato dall’incapacità parlamentare di trovare una quadra sull’uscita dall’Unione Europea.

L’ennesima doccia fredda per la May, è poi arrivata poco fa. Lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, ha posto infatti il veto a un terzo tentativo di ratifica dell’accordo sulla Brexit proposto dal governo guidato dal primo ministro Tory. Bercow ha chiesto esplicitamente che il testo venga cambiato, dopo aver fatto una lunga e dettagliata ricostruzione degli avvenimenti recenti e meno recenti, criticando fortemente le iniziative unilaterali e i ripetuti rinvii del governo.

La Gran Bretagna parteciperà alle elezioni europee?

Nel caso in cui il suo accordo con l’Ue per la Brexit non venga approvato nei prossimi giorni, Bruxelles potrebbe insistere per un rinvio lungo dell’uscita dall’Unione. La Gran Bretagna sarebbe così costretta a partecipare alle elezioni europee di maggio. E questo secondo la May potrebbe essere “un potente simbolo del fallimento politico collettivo del Parlamento”.

Intanto però, durante la discussione parlamentare, il leader laburista Jeremy Corbyn ha aperto uno spiraglio forse inatteso. Nonostante abbia ribadito di essere contrario all’accordo proposto dalla May, Corbyn ha dichiarato che il suo partito potrebbe votarlo a patto che sia poi sottoposto a un “referendum confermativo”.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta