Roma, 2 mag – “Ma quale film porno, stavo cercando un modello di mietitrebbia Dominator”. Sarebbe questa l’incredibile giustificazione di Neil Parish, deputato inglese costretto a dimettersi dopo l’accusa di aver visionato un video hard alla Camera dei Comuni britannica.

Un clamoroso errore?

Secondo gli amici, che difendono l’ormai ex parlamentare a spada tratta, Parish stava infatti cercando su Internet una Claas “Dominator” – marchio di mietitrebbia molto utilizzato – e ha incautamente aperto un sito web per adulti. Ne è convinto anche il consigliere della contea del Devon, Colin Slade, secondo cui la fattoria di famiglia di Parish, nel North Somerset, avrebbe pure comprato una di queste mietitrebbie. “Non ho mai avuto dubbi sul suo comportamento e considero Neil totalmente sincero. Ho visto la sua intervista alla Bbc, che è stata molto sentita, in cui ha detto che aveva sbagliato e gli dispiaceva”, ha dichiarato Slade.

Film hard? Galeotta fu la mietitrebbia

Il 65enne politico conservatore si è dimesso due giorni fa ammettendo di aver aperto un sito porno, ma di averlo fatto appunto “per errore” mentre stava cercando un sito di “trattori”. Dopo l’increscioso episodio era stato sospeso dal gruppo parlamentare Tory, partito di maggioranza del primo ministro Boris Johnson, su decisione del chief whip Chris Heaton-Harris. Già eurodeputato dal 1999 al 2009, Parish venne eletto parlamentare del Regno Unito nel 2010 e nell’ultima legislatura ha ricoperto la carica di presidente della commissione Agricoltura e Ambiente. Galeotta fu infine una stramaledetta mietitrebbia.

Sta di fatto che quello di Parish è tutto tranne che un caso isolato nel Regno Unito e a dirla tutta piuttosto veniale, se consideriamo che secondo i media britannici al momento ben 56 deputati britannici sono finiti sotto indagine per una serie di abusi.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta