Roma, 10 set – Se la presenza della Cina in Africa attira molta attenzione da parte della stampa, lo stesso non si può dire di quella dell’India, sebbene questo gigante dell’Asia negli ultimi tempi stia facendo sentire sempre di più il suo peso nel continente nero. Le imprese del subcontinente puntano molto sull’Africa e per capire questo fenomeno non serve altro che osservare ciò che sta accadendo in Nigeria e Gabon, due Paesi con cui l’India di recente ha firmato accordi commerciali.

Come l’India investe in Africa: il caso Nigeria

In Nigeria, poche settimane fa, è stato creato il Nigeria India Business Council, un ente che si pone come obiettivo quello di incrementare gli scambi commerciali tra i due Paesi. Al momento il valore degli scambi è di 14 miliardi di dollari, ma i rappresentanti di India e Nigeria vogliono farlo salire a 40 miliardi di dollari. Ai politici nigeriani non è sfuggito il fatto che grazie alle politiche economiche favorevoli alle imprese, l’India abbia ridotto il tasso di disoccupazione al 7% (contro il 35% della Nigeria) e esportato beni e servizi per 546 miliardi di dollari contro i 70 miliardi di dollari della Nigeria. Intendono insomma imparare da Nuova Delhi. Al momento in Nigeria operano 135 società indiane che hanno investito 20 miliardi di dollari, ma questo è solo l’inizio, visto che le opportunità di investimento sono tante soprattutto nell’educazione e nel settore sanitario.

Gli investimenti indiani in Gabon

In Gabon è stato creato un apposito ente per promuovere investimenti tra il Paese dell’Africa centrale e India: il Gabon India Business Council. Gli scambi si concentrano in particolare nei settori farmaceutico e del legname. Ma gli investitori indiani sono particolarmente interessati a investire nell’agricoltura, nel settore avicolo, nella lavorazione delle carni e altri settori manifatturieri dove le imprese del subcontinente hanno un forte vantaggio competitivo. Mentre il Gabon vede nell’India un importante partner per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Giuseppe De Santis

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta