Il Primato Nazionale mensile in edicola

Budapest, 25 nov – George Clooney contro Viktor Orban, uno scontro che ha dell’assurdo, ma che è realtà. La star Hollywoodiana infatti, nota per il suo impegno “umanitario” (come la decisione di donare un milione di dollari a ogni amico che lo ha aiutato quando non era famoso)  ha deciso di attaccare l’Ungheria, un Paese a suo parere pieno di “rabbia e odio”.



Clooney: “Ungheria piena di odio”

Clooney, in un’intervista con il settimanale GQ pubblicata la scorsa settimana, ha parlato delle riprese del suo prossimo film The Midnight Sky. In tale film interpreterà uno scienziato nel 2049, in uno scenario post-apocalittico: “Questa potrebbe benissimo essere la nostra realtà tra 30 anni se si permette a quel tipo di odio di peggiorare”  ha detto Clooney “vai nel Brasile di Bolsonaro o nell’Ungheria di Orbán, e guardati attorno” ha detto l’attore “due Paesi non si vede altro che “molta rabbia e odio”.

E Orban replica a Clooney

Secondo quanto riferito dall’agenzia Reuters e quanto riporta EuropaToday, Orban non si è tenuto l'”offesa” e ha deciso di replicare molto direttamente, dicendo che gli appunti di Clooney “sciocchi”: “George Clooney è un bravo attore, quindi merita rispetto, ma nessuno dovrebbe trattarlo come un oracolo politico globale”, dichiara Tamas Menczer, portavoce del Governo ungherese, al canale HirTV. Per il governo di Orban, infatti, Clooney “ha persone che gli sussurrano nelle orecchie”. Un altro portavoce del Governo Orban accusa invece Clooney di aver solo espresso ciò che George Soros, “nemico numero 1” del governo di Budapest, pensa sui diritti umani e sulla filantropia. Soros, ricordiamo, è di origine Ungherese.

Per Clooney è solo “macchina della propaganda”

“La macchina della propaganda di Orban sta mentendo, punto”, questa la contro-replica di Clooney tramite il suo agente. Clooney ha anche aggiunto di aver visitato l’Ungheria all’inizio degli anni 2000 e di essersi trovato di fronte e un Paese che era “il fulgido esempio” di “successo democratico” dopo la caduta dell’Unione Sovietica. “Attendo con ansia il giorno in cui l’Ungheria abbraccerà ciò che era una volta”, ha concluso Clooney. Insomma, tipico della mentalità made in Usa: la democrazia gli piace solo quando esprime ciò che loro pensano.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Clooney una Pulce di Troia! Doveva diventare una potenza nella politica italiana. Ora non gli resta che rompere i coglioni ai paesi che non conosce.

  2. Quando ha detto che voleva mettersi in politica tra i DEM (USA…) la
    CORNUTAZZA Clinton disse che …. beh , in pratica era uno STUPIDO che non capiva nulla di politica …..

    Non conosco le GANGS DEM , era già difficile distinguere Dorotei , Morotei , Fanfaniani et similia ……

    Diciamo cmq che in America è considerato un fesso dai DEM cui vuole appartenere …. perchè dovrebbe capire la politica Europea ?????
    Perchè ha una casa sul Lago di Como e scopa donne Italiane ?????

    Se poi sull’ UNGHERIA ascolta Soros …… beh , sappiamo tutti che Soros
    NON può entrare in Ungheria e nemmeno in Israele …. e sappiamo tutti
    PERCHè !!!!! Antichi rapporti con le SS (mai negati …) ….. che gli elargirono i primi SPORCHI soldini …….
    Che dite ??? era troppo giovane ???? Ha almeno 5/10 anni più di quelli dichiarati (o li porta di merda …) ….. documenti FALSI ????

Commenta