Cupertino, 29 ago – La Apple si scusa per i collaboratori assunti per analizzare un certo numero di dialoghi tra utenti e l’assistente vocale Siri, con l’obiettivo di migliorarne la performance, e che invece hanno ascoltato conversazioni private e registrato “coppie che facevano sesso“. Il gigante di Cupertino pertanto si scusa con gli utenti di Siri riconoscendo di non essere stato in grado di evitare tali violazioni della privacy. Le scuse sono arrivate dopo che la Apple, a seguito di indiscrezioni riportate dai media, ha fatto un controllo sulle registrazioni di Siri effettuate per migliorare il riconoscimento vocale. Secondo il quotidiano britannico Guardian, alcuni contractor terzi hanno violato le norme sulle privacy. E per i 300 assunti nella sede di Cork per verificare la presenza di errori nelle registrazioni di Siri è scattato il licenziamento di massa.

Apple annuncia nuove misure di tutela della privacy

“Come risultato della nostra revisione ci siamo resi conto di non essere stati pienamente all’altezza dei nostri elevati standard e per questo ci scusiamo”, afferma Apple, annunciando nuove misure per tutelare la privacy. Già dal 2 agosto il gigante Usa aveva sospeso il programma di “grading” (ossia di classificazione) che stava svolgendo, dopo le accuse di aver ascoltato conversazioni private durante le verifiche dei suoi dipendenti. Tra queste c’erano informazioni mediche, “transazioni” in sostanze stupefacanti e coppie impegnate in rapporti sessuali.


Ludovica Colli

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here