Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 ago – Il presidente filippino, Rodrigo Duterte, è pronto a fare da cavia. Vuole essere lui il primo a testare il vaccino russo “Sputnik V, annunciato ieri da Vladimir Putin e che il governo di Mosca vorrebbe mettere in circolazione a partire dal primo gennaio 2021. Ad annunciarlo è stato Harry Roque, portavoce di Duterte, specificando che il presidente filippino non sta affatto scherzando. Al contrario ha “enorme fiducia” negli sforzi russi profusi per contrastare il coronavirus. “Sarò il primo a sperimentare” questo vaccino, ha dichiarato infatti Duterte.

“E’ vecchio, pronto sacrificarsi per il popolo”

“Io credo che il vaccino che avete prodotto rappresenti veramente un bene per l’umanità”, ha poi aggiunto. Con il portavoce che ha sottolineato come gli eventuali effetti negativi non preoccupano il presidente delle Filippine, perché vista la sua età avanzata è pronto a “sacrificare la sua vita per il popolo”. Nessuna paura dunque, Duterte sembra fare sul serio, per quanto abbia abituato tutti a dichiarazioni controverse. In questo caso però, nonostante la freddezza mostrata da molti scienziati nei confronti del vaccino russo, il presidente filippino pare proprio convinto.

A tal punto che il governo di Manila ha fatto sapere che parteciperà anche alle procedure cliniche della Russia, attivandosi sia per la produzione che per la fornitura del vaccino. E nella giornata di oggi le autorità sanitarie delle Fillipine incontreranno il produttore russo di “Sputnik V”.

Eugenio Palazzini

 

Commenta