Il Primato Nazionale mensile in edicola

Berlino, 9 mar – Prime due vittime in Germania per il coronavirus. Lo rendono noto le autorità locali: una persona è morta nell’area di Heinsberg, in Nord-Reno Vestfalia, dove si registra il maggior focolaio di Covid-19 del Paese. Un ulteriore decesso si registra a Essen, sempre in Renania Settentrionale-Vestfalia. La conferma arriva dal ministero della Sanità del Land centro-occidentale tedesco. Al momento non ci sono ulteriori dettagli. Ieri era stata annunciata la morte di un cittadino tedesco in Egitto, un uomo di circa 60 anni di Amburgo, arrivato nel Paese da una settimana e ricoverato da venerdì scorso, come confermato dal ministero della Sanità egiziano.

I contagi nel Paese sono 1.112

Ad oggi i contagi da coronavirus in Germania sono 1.112, stando alle cifre fornite questa mattina dal Robert Koch Institut. Intanto, 5mila persone sono state messe in quarantena domiciliare nel Brandeburgo. Nello specifico, la misura è stata adottata nella cittadina di Neustadt/Dosse, in seguito ad un sospetto di contagio da coronavirus in una scuola. In particolare, alcuni insegnanti di una scuola locale avrebbero avuto contatti con una donna venuta da Berlino che era risultata positiva al Covid-19. Il provvedimento di quarantena riguarda docenti, studenti, personale amministrativo ed i rispettivi familiari.

Impennata di contagi nelle ultime 24 ore

Rispetto alle precedenti 24 ore, i casi di positività nel Paese sono saliti di 110 unità, tenendo conto che la precedente rilevazione segnava 902 positivi. La Renania settentrionale-Vestfalia, come detto, è la regione più colpita dall’epidemia con 484 casi. Di questi, più di 200 casi risultano essere ristretti, come riporta l’agenzia Nova, al solo circondario di Heinsberg, quello che viene considerato fra i primi focolai del virus in Germania. Gli altri due land più infetti sono la Baviera, ferma a 256, e il Baden Wuerttemberg con 199 casi. Allo stato attuale vi è solo una regione che risulta essere “immune”, ossia la Sassonia-Anhalt.

Ludovica Colli

1 commento

Commenta