Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 15 feb – Quel che si temeva alla fine è diventato realtà: il coronavirus è arrivato in Africa, più precisamente in Egitto. Un cittadino di nazionalità cinese si trova da ieri ricoverato in isolamento in un ospedale del Cairo, hanno riferito fonti del ministero della salute egiziano, spiegando di aver allertato l’Organizzazione mondiale della sanità e avviato tutte le necessarie procedure per evitare il diffondersi del contagio.

Primo caso di coronavirus in Africa

Si tratta della prima comparsa del coronavirus nel continente nero, che stando alle rilevazioni dell’Oms fino al 13 febbraio non registrava alcun caso ufficialmente confermato dell’epidemia. Probabilmente era solo una questione di tempo: da molti anni i rapporti – economici e politici – dell’Africa con la Cina sono in continuo e costante sviluppo, con la seconda ad investire massicciamente con capitali e, soprattutto, uomini, in molti Paesi in via di sviluppo. Basti pensare al Kenya, il cui porto di Lamu è uno snodo chiave della nuova via della seta. Per non parlare di Zambia e Angola, le cui produzioni di rame e petrolio li hanno trasformati in importanti partner commerciali del fu celeste impero.

Ricciardi: “Non è una buona notizia”

Non è comunque escluso che l’epidemia possa aver già colpito, sia pur sottotraccia. I sistemi sanitari africani, specialmente nell’area subsahariana, non sono paragonabili a quelli occidentali, per cui potrebbero aver già dovuto affrontare casi di coronavirus ma senza trattarli (né comunicarli alle autorità internazionali) come tali. “Non è una buona notizia – ha spiegato all’AdnKronos il professor Walter Ricciardi, già commissario e poi presidente dell’Istituto superiore di sanità e attuale rappresentante dell’Italia nel comitato esecutivo dell’Oms – non tanto perché è il primo caso, ma perché significa che il virus si è spostato in un continente debole dal punto di vista della sanità pubblica, della capacità diagnostica e della capacità di risposta”.

Nicola Mattei

5 Commenti

  1. […] Roma, 28 feb – Il coronavirus è arrivato in Nigeria, e a portarlo sarebbe stato un italiano, un cittadino milanese che attualmente lavora nel Paese africano ed era appena rientrato dal capoluogo lombardo. Ne ha dato notizia ieri il ministero della Salute nigeriano. Con i milioni di cinesi che risiedono in Africa, al momento dei 3 casi confermati di persone contagiate da coronavirus (Egitto, Algeria e Nigeria) 2 sono di nazionalità italiana. Questo ha permesso ad alcune testate, tra cui Open, di titolare così: “Abbiamo portato noi il coronavirus in Africa: è italiano il primo caso in Nigeria”. Questa è una notizia falsa, una fake news o un “fattoide” per dirla alla David Puente. Il primo caso di coronavirus riscontrato in Africa risale al 15 febbraio scorso, quando un cittadino cinese è stato ricoverato al Cairo. […]

  2. […] Roma, 28 feb – Il coronavirus è arrivato in Nigeria, e a portarlo sarebbe stato un italiano, un cittadino milanese che attualmente lavora nel Paese africano ed era appena rientrato dal capoluogo lombardo. Ne ha dato notizia ieri il ministero della Salute nigeriano. Con i milioni di cinesi che risiedono in Africa, al momento dei 3 casi confermati di persone contagiate da coronavirus (Egitto, Algeria e Nigeria) 2 sono di nazionalità italiana. Questo ha permesso ad alcune testate, tra cui Open, di titolare così: “Abbiamo portato noi il coronavirus in Africa: è italiano il primo caso in Nigeria”. Questa è una notizia falsa, una fake news o un “fattoide” per dirla alla David Puente. Il primo caso di coronavirus riscontrato in Africa risale al 15 febbraio scorso, quando un cittadino cinese è stato ricoverato al Cairo. […]

  3. […] Di Cristina Gauri – Roma, 28 feb – Il coronavirus è arrivato in Nigeria, e a portarlo sarebbe stato un italiano, un cittadino milanese che attualmente lavora nel Paese africano ed era appena rientrato dal capoluogo lombardo. Ne ha dato notizia ieri il ministero della Salute nigeriano. Con i milioni di cinesi che risiedono in Africa, al momento dei 3 casi confermati di persone contagiate da coronavirus (Egitto, Algeria e Nigeria) 2 sono di nazionalità italiana. Questo ha permesso ad alcune testate, tra cui Open, di titolare così: “Abbiamo portato noi il coronavirus in Africa: è italiano il primo caso in Nigeria”. Questa è una notizia falsa, una fake news o un “fattoide” per dirla alla David Puente. Il primo caso di coronavirus riscontrato in Africa risale al 15 febbraio scorso, quando un cittadino cinese è stato ricoverato al Cairo. […]

Commenta