Roma, 20 ago – Per diversi mesi rimasta fuori dal conflitto, la Crimea sembra ora esserne al centro. Nella penisola controllata dalle truppe di Mosca e annessa alla Russia nel 2014 in seguito a referendum, non si combatte sul campo come nel Donbass ma da alcuni giorni Kiev ha iniziato a prendere di mira obiettivi specifici con attacchi di droni. Il governo ucraino evita spesso di rivendicare i raid, ma quanto accaduto nelle ultime ore è destinato a lasciare strascichi in un conflitto destinato verosimilmente a durare ancora a lungo.

Crimea, colpo a flotta russa o drone abbattuto?

Stando a quanto riferito dall’emittente pubblica ucraina Suspilne, questa mattina è stato difatti colpito “il quartier generale della flotta del Mar Nero della Federazione Russa a Sebastopoli”. Nelle foto e nei video pubblicati dalla stessa emittente, si nota il fumo alzarsi sopra la struttura in questione. Sarebbe con tutta evidenza, a prescindere dagli effettivi danni provocati, un duro colpo alle forze armate di Mosca.

crimea, drone

Al contrario i media russi affermano che ieri è stato stato sventato un attacco contro un porto della Crimea occidentale e oggi è stato abbattuto un drone ucraino. Sempre secondo Mosca, i video girati in Crimea mostrano la difesa aerea russa che intercetta droni nei cieli di Sebastopoli, Yevpatoriya e Zaozerne. Il capo dell’amministrazione russa di Sebastopoli, Mikhail Razvozhayev, ha detto che l’esplosione avvertita stamani è stata causata dalla caduta dei resti del drone ucraino abbattuto. “È caduto sul tetto ed ha preso fuoco”, ha dichiarato, specificando che non sono state registrate vittime.

Tra escalation e propaganda 

Al solito, da una parte e dall’altra imperversa la propaganda di guerra, e non è mai semplice capire come stanno realmente le cose. Quel che è certo è che il conflitto, in un modo o nell’altro, si sta lentamente allargando alla penisola finora risparmiata dai combattimenti, nonostante sia rivendicata da Kiev come parte integrante della nazione ucraina. Quella di stamani è difatti l‘ultima di una serie di esplosioni “misteriose”. La scorsa settimana, un’altra esplosione si era verificata in una base area russa della Crimea.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta