Il Primato Nazionale mensile in edicola

Tunisi, 27 giu – Due attentati nella capitale tunisina. Un kamikaze si è fatto esplodere a Porte De France, vicino all’ingresso della Medina a Tunisi. Fonti locali parlano di “un attacco terroristico“. Secondo le prime informazioni ci sarebbero feriti. Un poliziotto sul posto riferisce ad Afp che a provocare l’esplosione è stato un attentatore suicida, che ha preso di mira una pattuglia della polizia in via Charles de Gaulle, nei pressi della via principale del centro della capitale tunisina, avenue de Bourguiba, nei pressi dell’ingresso alla città vecchia e vicino alla sede dell’ambasciata di Francia. Secondo il ministero dell’Interno, nell’esplosione è morto un agente di polizia e sono rimasti feriti un altro agente e tre civili.

Colpita la sede della direzione anti-terrorismo

Una seconda esplosione, provocata dal lancio di un ordigno artigianale, è avvenuta nel parcheggio della sede della direzione anti-terrorismo nella caserma di El Gorjani. Lo riferisce la radio locale Mosaique. L’attentatore ha lanciato la bomba dopo aver tentato, senza successo, di entrare nella caserma. Quattro agenti delle forze di sicurezza tunisine sono rimasti feriti nella seconda esplosione, come riporta al Jazeera sulla base delle informazioni rilasciate dal ministero dell’Interno.

Allo stato attuale non ci sono state rivendicazioni. L’attacco arriva dopo quelli di quattro anni fa, in cui sono rimaste uccise 60 persone nelle stragi al museo nazionale e in uno stabilimento balneare, entrambe rivendicate dall’Isis. Lo scorso febbraio, una corte tunisina ha condannato all’ergastolo sette terroristi per i due attacchi.

Ludovica Colli