Roma, 8 nov — Elon Musk torna a far parlare di sé fornendo una chiara, chiarissima indicazione di voto per le elezioni midterm che si tengono oggi in tutti gli Stati Uniti. «Agli elettori indipendenti: Il potere condiviso frena i peggiori eccessi di entrambi i partiti, quindi consiglio di votare per un Congresso repubblicano, dato che la Presidenza è democratica».

L’appello del nuovo capoccia di Twitter non dovrebbe destare troppo stupore. Non è la prima volta che Musk esprime sostegno o simpatie nei confronti del partito dell’elefante, e tutti si ricordano di come il patron di Tesla avesse attaccato frontalmente i dem definendoli seminatori di «odio e divisione»; come, del resto, non si contano più gli scontri sostenuti con alcuni esponenti dell’ala più liberalprogressista dei democratici, prima fra tutte Alexandra Ocasio-Cortez, bersaglio preferito nei meme pubblicati dal miliardario.

Musk consiglia di votare repubblicano

Le dichiarazioni di Musk hanno fatto infuriare quella parte di utenti Twitter dalle forti inclinazioni woke già ampiamente destabilizzati dall’«incoronazione» del miliardario a Ceo della piattaforma. Prima di acquistare Twitter Musk aveva infatti annunciato che sarebbe diventato un luogo «politicamente neutrale»: invitare esplicitamente i suoi 114 milioni di follower a votare repubblicano non è parso loro un buon inizio di neutralità. «In questo tweet di aprile dicevi che Twitter avrebbe dovuto essere politicamente neutrale – gli ha risposto Kanishka Raj Singh, giornalista di Reuters – Come giustifichi, in veste di capo di Twitter, di raccomandare quale partito votare dopo aver sostenuto la neutralità politica della piattaforma?».

Più sarcastico il giornalista Max Burns: «Il Partito repubblicano dovrebbe inserire la tua acquisizione di Twitter tra le donazioni per la campagna elettorale». A guardare bene, però, nelle parole del miliardario non vi è alcuna contraddizione: Musk aveva annunciato che la piattaforma e il suo insieme di policies sarebbero stati politicamente neutri, non di certo i suoi tweet. 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta