Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 ott – L’immigrazione di massa è la vera soluzione alla crisi demografica dell’Europa? Ammesso che di soluzione si tratti, questa “grande sostituzione” applicata alla realtà è inutile e dannosa. Per tutta una serie di motivi, a partire dal fatto che gli immigrati invecchiano come tutti gli altri e quindi il problema di ripresenterebbe ex novo negli anni a venire. Senza poi considerare tutti gli altri costi, ivi compresi quelli previdenziali (altro che il “pagano le nostre pensioni”). Dati e circostanze che, laddove dalle nostre parti la sinistra continua a battersi in preda ad un disturbo ossessivo-compulsivo, nell’Europa dell’Est sembrano ancora essere di buon senso.



La conferenza di Budapest: meno immigrazione, più politiche di aiuto alla natalità per sconfiggere la crisi demografica

Pochi giorni fa a Budapest si è tenuta una conferenza proprio sull’inverno demografico del vecchio (potremmo dire in tutti i sensi) continente, alla quale hanno preso parte i capi di Stato e di governo delle nazioni dell’Europa dell’est. Raggiungendo un’intesa che sbugiarda la narrazione dominante e fatta propria, tra gli altri, anche dall’Unione Europa.

Leggi anche: Sostenere la natalità, non l’integrazione degli immigrati. La Ue cambi prospettiva

I leader di Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria, Serbia e Slovenia hanno infatti firmato una dichiarazione in cui rifiutano categoricamente di usare l’immigrazione per risolvere la crisi demografica. Impegnandosi al contrario a promuovere politiche attive per favorire la natalità. A spingere di più su questa proposta sono stati il primo ministro magiaro Viktor Orban e il suo omologo ceco Andrej Babis, i quali stanno già facendo una campagna elettorale basata su una forte opposizione all’immigrazione in vista delle elezioni che si terranno nei prossimi mesi.

Giuseppe De Santis



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Basta con questa inconcludente espressione “crisi demografica”, far figli non è una produzione capitalistica! Quelli del est hanno ancora il piacere di scopare perché non sono del tutto inchiappettati ! Spero di aver reso l’ idea per comprendere che la ns. crisi d. è connessa allo stato di invivibilità raggiunto che non può essere assolutamente compensato “avvelenando” con persone cacciate non dalla emergenza climatica, ma piuttosto dalla volontà di mangiarci sopra (in patria loro e pure all’ estero).

  2. Infatti l’immigrazione osannata dalla finta sinistra leccaculo capitalista ha ben altro scopo e l’ho scritto già da 7 anni
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2014/04/16/immigrazione-anti-deflazione/

    Serve per tentare di tenere in piedi un modello economico già morto e sepolto da 9 anni
    https://www.weforum.org/agenda/2012/04/the-end-of-capitalism-so-whats-next/

    creato da falliti presuntuosi che non sanno perdere su una bufala, la bufala della crescita infinita ovvero produrre e vendere all’infinito già sconfessata dall’economia politica che ci insegna che
    “a fronte di bisogni potenzialmente illimitati le risorse per soddisfarli sono limitate ed è quindi necessario operare delle scelte”

    E questa l’ezione pur se nata in riferimento ad un concetto generale edi risorse naturali è un grande insegnamento anche per il singolo
    “Impara a fare quello che puoi e se non puoi fare tutto anziché fare finanziamenti per tutto fai delle scelte e fai solo quello che puoi con i tuoi mezzi”

    Perché quello che verrà è noto visto che la produzione industriale di massa è ormai inutile
    https://austrian.economicblogs.org/jay-taylor-media/2020/hugh-smith-overcapacity-oversupply-deflation/

    e quindi non è molto furbo trovarsi con debiti e senza lavoro possibilità sempre meno remota anche in Italia
    https://www.ilprimatonazionale.it/economia/marelli-annuncia-1500-licenziamenti-rafforza-produzione-cina-208307/
    https://www.ilprimatonazionale.it/economia/gkn-tribunale-blocca-licenziamenti-via-mail-comportamenti-antisindacali-207866/

  3. L’Immigrazione non è la soluzione? Ma cosa state dicendo !!! fatene arrivare ancora un pò di questi barbari, e vedrete che con tutti gli stupri in programma, altro che incremento demografico !!! Ne beneficerà poi di riflesso anche l’industria del furto, della rapina e dello spaccio. Allora SI’ che l’Italia salirà nelle classifiche mondiali .

  4. Ridendo e scherzando amaramente, non hai torto… lo spaccio è già nel Pil !
    Però, per favore non chiamarli barbari, avevo un buon conoscente lucano che di cognome faceva Barbaro e si incazzava come una bestia…

Commenta