Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 8 dic – Facebook ha congelato gli account di alcuni appassionati di Storia, membri di una società di rievocazione storica britannica dopo averli scambiati per un gruppo di  estrema destra degli Stati Uniti.



Facebook, “nerd” della Storia sono miliziani

La Wimborne Militia ricrea battaglie storiche del XVII secolo, inclusa la ribellione di Monmouth del 1685, e partecipa anche a innocenti eventi locali, inclusa l’accensione delle luci natalizie dellecittà. Ma a cinque dei suoi 60 membri è stato disabilitato il proprio profilo Facebook, impedendogli di pubblicare foto o commenti.

Black Brain

La Storia viola “gli standard comunitari”

Il gruppo ritiene che Facebook abbia scambiato l’innocente (e un po’ nerd) pagina di appassionati di Storia come parte di un movimento di estrema destra negli Stati Uniti. Il fondatore del gruppo, Chris Brown, 64 anni, gestisce anche la pagina Facebook di Wimborne Neighbourhood Watch, un’altra delle pagine cancellate. “La prima volta che abbiamo saputo che qualcosa non andava è stata la scorsa settimana, quando nessuno di noi poteva accedere ai nostri account Facebook”. Brown ha aggiunto: “È apparso un messaggio che diceva” il tuo account è stato disattivato a causa di violazioni degli standard comunitari. Questa decisione è irreversibile “.

Nessuna risposta da Facebook

“Non siamo riusciti a contattare nessuno su Facebook. Ho persino mandato un’e-mail a Nick Clegg, che è il direttore delle comunicazioni globali di Facebook, ma sto ancora aspettando una risposta”. E poi, il sospetto: cioè quello che gli innocenti rievocatori storici siano stati scambiati dall’algoritmo per un gruppo di miliziani “suprematisti” che agisce negli Stati Uniti. “Sembra che Facebook abbia preso una decisione generale senza controllarci. Se lo avessero fatto, sarebbe stato abbastanza ovvio che non si trattava di un gruppo politico pericoloso“.

Rievocazione della guerra civile del XVII secolo

‘Siamo un gruppo di rievocazione della guerra civile inglese con armi del XVII secolo per le quali avevamo la licenza per fucili a pompa. Operiamo secondo rigide regole di salute e sicurezza e tutto viene fatto secondo le regole. ‘ Il gruppo si affida ai social media per mantenere il pubblico informato sulle proprie attività, soprattutto durante la pandemia di coronavirus. Insomma, bell’errore della macchina infernale degli algoritmi di Facebook: uomini di mezza età vestiti in abiti storici scambiati per pericolosi eversivi.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Dovrebbe essere chiaro a tutti che, ormai qualsiasi “uomo di mezza età in abiti storici” È!, senza appello, un “pericoloso eversivo”. Se, poi, maneggia un’arma ogni legittimo dubbio è fugato. E se si sapesse che coltiva l’orto ci vorrebbe la pena capitale. Ma la soluzione è semplice: sempre di mezza età, ma con un boa di piume di struzzo o con un completino di latex, va benissimo. Meglio se frequenta parchi giochi e tiene blog di svago. Quello si, che ti mette al riparo dai “ban” di GAFA tutta.

Commenta