Il Primato Nazionale mensile in edicola

Friburgo, 30 ott – A Friburgo è accaduto qualcosa di simile a ciò che si è consumato a San Lorenzo. Stupro di gruppo ai danni di una ragazzina: 8 uomini, di cui 7 sono siriani, hanno ripetutamente abusato di lei. Nulla di nuovo, purtroppo. Qualcosa di cui indignarsi, sempre. La 18enne, durante una serata in discoteca, era stata avvicinata da un esponente del branco: il cocktail, contaminato da stupefacenti, ha stordito la vittima. Gli uomini hanno abusato a turno, tra i cespugli, nei pressi del locale. La ragazza, inerme, è stata ritrovata da un’amica.

Gli stupratori, attualmente in custodia cautelare, potrebbero essersi serviti di alcuni complici: proseguono le indagini. La vicenda, molto simile ad altri terribili episodi di violenza sessuale verificatisi in Germania, ha ulteriormente scosso l’opinione pubblica. Organizzata una mega manifestazione alla quale partecipa l’Afd. La Germania, satura per una situazione in tutto ascrivibile alla categoria “guerra civile”, chiede politiche ferree contro immigrati e degrado.

Al solito, contromanifestazioni di antirazzisti e pacifisti. Obiettivo: scongiurare la strumentalizzazione della vicenda, per fini politici. Strumentalizzazione? L’unica certezza è che l’ennesima vittima dell’ennesimo stupro, venga snobbata a piè pari da femministe e antirazzisti. Dunque, chi sono i veri sciacalli? E chi i veri cattivi? Fatti e cronaca, come sempre, parlano chiaro.

Chiara Soldani

3 Commenti

  1. Questi non sono animali…x che sarebbe come offendere ali animali..sono bestie della peggiore specie!!!!! Vanno messi su dei barconi fatiscenti e lasciati alla mercie di loro stessi.è ora di finirla con questo buonismo. Del cazzo ..che se li prendano in casa i sinistroidi così ali fanno scopare le loro mogli e le figlie.

  2. Finchè tutti gli italiani non capiranno bene che per gli africani musulmani è giusto violentare una donna che esce di casa non accompagnata da un parente maschio e senza velo, non ci saranno gli anrticorpi necessari a ricacciarli nel loro paese.Poi con papa Francesco pro gay e musulmani che gli invita tutti in Italia, non nel vaticano, la situazione resta ancora disperata

Commenta