Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 lug – Era un afghano diciassettenne arrivato in Germania come “minore non accompagnato” – insomma, uno di quei “bambini che fuggono dalla guerra” di cui sentiamo parlare alla tv – l’uomo salito a bordo di un treno armato di ascia, coltelli, oggetti appuntiti, con l’intenzione di colpire chiunque gli capitasse a tiro. Cosa che ha fatto, ferendo gravemente quattro componenti di una famiglia di Hong Kong, parte di una comitiva turistica secondo la Bild-Zeitung, due sono in pericolo di vita. Gli altri 14 che erano a bordo sono illesi.



Secondo il ministero dell’Interno bavarese, l’assalitore ha urlato “Allah akbar”, Dio è grande. Il giovane da circa un anno era registrato come richiedente asilo e da marzo viveva in Baviera, prima in un hotel della piccola località di Ochsenfurt, a circa 30 chilometri a Wurzburg, poi presso una famiglia affidataria.  Il treno era in viaggio verso Wurzburg, dove si trova il più importante centro di accoglienza profughi della Baviera. L’azione dell’aggressore è iniziata intorno alle 22:10. I media tedeschi tra cui la Dpa affermano l’uomo sia stato ucciso dalla polizia mentre tentava di scappare. Ma la polizia non conferma.

Nella sua camera è stata trovata una bandiera dell’Isis dipinta a mano. “Era da solo sul treno e ha compiuto l’azione da solo”, ha osservato il ministro dell’Interno della Baviera, aggiungendo che l’indagine in queste ore punta ad accertare “cosa sia successo negli ultimi mesi o nelle ultime settimane”, se il giovane abbia avuto contatti con circoli islamisti o si sia radicalizzato da solo e di recente. Insomma, un altro lupo solitario. Un altro psicolabile sedotto dalla furia omicida dell’Isis. Un’altra “risorsa” impazzita, che anziché fuggire dalla guerra ha portato la guerra in Europa.

Giorgio Nigra



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta