Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 set – Silenzio, rispetto, memoria. Allo Yasukuni Jinja, letteralmente “Santuario della pace nazionale”, non si viene per commemorare “criminali di guerra” come sostengono i globalisti apolidi. Allo Yasukuni si va in punta di piedi, per onorare le anime di tutti i giapponesi morti in combattimento a partire dal rinnovamento Meiji. Per questo al suo interno è conservato il “Libro delle anime”, che contiene la lista di 2.466.532 uomini e donne che hanno dato la vita in battaglia per il Sol Levante. E’ più di un santuario shintoista lo Yasukuni, è il cuore che racchiude l’identità millenaria di un popolo. Per questo oggi Sinzho Abe si è recato lì, nonostante le critiche preventive (e stolte) di certi media internazionali, incapaci di cogliere anche solo minimamente il senso di un rito ancestrale.

Agli spiriti eroici

Abe era lì “per comunicare alle anime dei caduti che mi sono dimesso da primo ministro lo scorso 16 settembre”, come scritto da lui stesso sul suo account Twitter. Soltanto questo, l’ormai ex premier nipponico non ha aggiunto altro, si è limitato a far sapere al suo popolo che oggi si è recato al sacro tempio per riferire la decisione presa alle anime dei combattenti. Una semplice frase accompagnata da un’altrettanto spartana foto, che lo ritrae dietro a un sacerdote shintoista. In segno di rispetto e devozione.

Ma certo, la sua visita odierna non mancherà ovviamente di far discutere, con le solite rimostranze a mezzo stampa di Cina e Corea del Sud. Questo Shinzo Abe lo sa benissimo, esattamente come i giapponesi sono consapevoli che non è affatto questo a contare. L’importante è non voltare le spalle ai propri caduti, o meglio, per dirla con Mishima: alla voce degli spiriti eroici. Ordine e armonia, benvenuti nell’era Reiwa signori.

Eugenio Palazzini

4 Commenti

  1. Cosa possono capire globalisti e turbo finanzieri ????

    Non hanno un dio
    non hanno una Patria
    e …. chissà che famiglie di m..

    che vite di m…. , in stile cirinnà

    Provo una certa invidia per il Popolo Giapponese che , non solo ha i miei stessi valori , ma li VIVE .

    Noi abbiamo l’ Altare della Patria dove riposa un SOLO caduto , ma
    li rappresenta TUTTI , e …. quando ci vanno i nostri capataz , pare
    che ….
    si beh lo devo fare …. avete prenotato dal Trucido ? Carbonara e
    Pajata annaffiate col Frascati bello fresco ????
    Famo in fretta che se n’ annamo !

    mattarella poi , pare salga sul Golgota ( ma perché me tocca ?
    stavo così bene a giocare a burraco….)

Commenta