Bolzano, 27 giu – Sul fronte immigrazione l’attuale stato in cui si trova l’Italia non sarà più sopportabile a lungo. A dirlo è il Presidente della Repubblica d’Austria, Alexander Van Der Bellen intervenendo, ieri, nel corso di una celebrazione a Passo dei Tauri poco distante la Vetta d’Italia in Alto Adige. Secondo il Presidente austriaco, è essenziale, con gli imminenti nuovi arrivi dalla Libia, che tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, supportino a breve tempo l’Italia sia per quanto concerne l’accoglienza che i costi ad essa connessi.

“A medio termine, e non dico nulla di nuovo – ha detto Van Der Bellen – dobbiamo trovare accordi con gli stati africani per far sì che queste persone non sentano più la necessità di rischiare la propria vita attraversando il mare su gommoni. Quando poche settimane fa ho letto in un giornale che due profughi sono stati tratti in salvo proprio qui, sul Passo dei Tauri nel tentativo di raggiungere l’Austria, sono rimasto stupito. Anche perché secondo il giornale si è trattato della prima volta che dei profughi hanno scelto questo passo di montagna per entrare nel nostro paese”.

Le dichiarazioni del Presidente austriaco Van Der Bellen seguono quelle del Ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka e il governatore tirolese Guenther Platter di mercoledì 14 giugno, i quali affermavano come “l’Austria segua con occhio vigile il confine italo-austriaco del Brennero” dopo gli sbarchi di profughi delle ultime settimane annunciando per questo massicci controlli nei pressi del passo. “Per il momento – è stato detto – sono sufficienti i controlli a campione nei pressi del valico italo-austriaco, anche grazie alla buona collaborazione con l’Italia” ma che “in caso di necessità sarà lanciato un segnale forte con l’introduzione del cosiddetto “management di confine”, ovvero l’innalzamento della barriera, predisposta nel 2016”.

Intanto, a pochi passi dal valico di confine sul versante austriaco, sono quasi terminati i lavori nella stazione ferroviaria di Brennersee per consentire il controllo capillare dei treni passeggeri in ingresso in Austria.

Lorenzo Molinari

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here