Roma, 12 gen – Ci sono storie incredibili che vale la pena raccontare per strappare qualche sorriso ai lettori, se non fosse che in questo caso le conseguenze si sono rivelate tutt’altro che simpatiche. In Sud Sudan, durante una cerimonia pubblica, il presidente Salva Kiir Mayardit si è urinato addosso. Una scena decisamente imbarazzante per il 71enne capo di Stato, ripresa dalla videocamere dei giornalisti presenti sul posto.

Il video non è stato mandato in onda dalla tv pubblica del Paese africano, ma è diventato virale sui social e sei giornalisti – giudicati responsabili di “sapere come sono state diffuse le immagini” – sono stati arrestati dagli agenti del servizio di sicurezza nazionale. A denunciare quanto accaduto è il Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj), che cita resoconti di media locali e di altre fonti a conoscenza del caso.

Sud Sudan, il presidente si urina addosso. E vengono arrestate sei giornalisti 

I sei giornalisti in questione, sono ora sotto inchiesta per il video in cui si vede chiaramente la gamba sinistra dei pantaloni del 71enne presidente del Sud Sudan, bagnarsi rapidamente durante l’esecuzione di un inno. Il capo di Stato resta in piedi, si appoggia al suo bastone e poi abbassa lo sguardo osservando l’urina sporcargli i pantaloni. Tuttavia non reagisce, decidendo di rimanere fermo al suo posto senza dare altri segnali.

Le persone arrestate corrispondono a “un modello di personale di sicurezza che ricorre alla detenzione arbitraria ogni volta che i funzionari ritengono che la copertura sia sfavorevole”, ha dichiarato il rappresentante del Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj) per l’Africa subsahariana, Muthoki Mumo, chiedendo il loro immediato rilascio.

Sullo stato di salute del 71enne presidente del Sud Sudan, nominato nel 2011 con l’indipendenza ottenuta dal Paese, vi sono da tempo molti dubbi. Alcuni mesi fa, Kiir non riuscì a completare un discorso, ufficialmente a causa di un improvviso calo di voce.

La Redazione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta