Il Primato Nazionale mensile in edicola

New Delhi, 1 ago – Ancora una storia di vero e proprio orrore dall’India, ormai tristemente nota per le continue violenze contro minori e donne. Questa volta è emersa la tragica storia di una bambina di 3 anni, violentata e poi decapitata appena dopo essere stata rapita mentre si trovava in una stazione ferroviaria nello stato orientale di Jharkhand.



Tra gli arrestati il compagno della madre

Per questo orrendo crimine ai danni della bambina, sono  tre gli uomini arrestati dalla polizia. Due degli arrestati sarebbero coloro fisicamente artefici delle violenze e dell’uccisione, mentre il terzo uomo è il compagno della madre della bambina, colui che avrebbe tradito la fiducia della famiglia e della piccola.

Black Brain

Incastrati dalle telecamere di sorveglianza

Lo scorso venerdì la bambina stava dormendo con la madre nella stazione di Tatanagar presso la città di Jamshedpur, quando è improvvisamente scomparsa. Tuttavia, le immagini delle telecamere di sorveglianza hanno mostrato chiaramente la figura di un uomo che si allontanava dopo aver sottratto dall’abbraccio della madre la bambina ancora addormentata. Tale filmato ha permesso alla polizia di identificare tutti e tre i sospettati.

Il corpo mutilato di una bimba in una valigia

L’ufficiale di polizia Ehtesham Waquarib riferisce: “Abbiamo arrestato due sospettati, sui trent’anni, che ci hanno condotto nel luogo dove si trovava il corpo mutilato della bambina, che era all’interno di una borsa in un posto isolato. Hanno confessato di avere violentato, strangolato e decapitato la bambina”. Uno dei sospettati era già stato in carcere, recentemente, per avere rapito e tentato di uccidere un’altra bambina nel 2015. I sospetti sul ruolo che il compagno della madre avrebbe avuto nel brutale omicidio della bambina sarebbero stati confermati proprio dalla madre della piccola alla polizia. L’uomo è ora indagato. La testa della bambina non è ancora stata ritrovata, nonostante per lo scopo siano stati usati cani addestrati.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. “un branco di selvaggi con una bandiera”
    notare le virgolette…
    questo commento era un intercalare tipico di un mio amico,che ha trascorso quasi vent’anni a girare l’india per lavoro.

    credevo esagerasse…
    ma dopo aver letto questa e parecchie altre notizie sull’india,mi sa che è stato perfino generoso,nel suo giudizio.

Commenta