Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 giu — John McAfee, creatore del famosissimo e omonimo sistema antivirus, è stato trovato senza vita nella sua cella della prigione a Sant Esteve de Sesrovires, 40 chilometri a ovest di Barcellona. Aveva 75 anni. «Tutto fa pensare che si sia trattato di suicidio», afferma il Dipartimento di Giustizia della Catalogna. McAfee si sarebbe impiccato. Gli sforzi dei sanitari per rianimarlo sono risultati vani.



L’odissea giudiziaria di John McAfee

Il tragico gesto arriva a poche ore di distanza dall’ok all’estradizione negli Usa concesso dall’Audiencia Nacional, l’alto tribunale spagnolo. John McAfee era accusato di evasione fiscale tra il 2014 e il 2018. Per questo crimine, punito severamente negli Stati Uniti, rischiava fino a trent’anni di reclusione. La polizia spagnola — su richiesta del governo americano — lo aveva fermato il 3 ottobre scorso all’aeroporto di Barcellona mentre tentava di imbarcarsi su un volo per Istanbul. L’agenzia governativa di riscossione dei tributi accusava McAfee di avere evaso circa 23 milioni di dollari di tasse sui profitti ottenuti con il trading online e le criptovalute. 

Lo strano tweet su Epstein

Gli utenti di Twitter hanno rilanciato un tweet del defunto datato 15 ottobre 2020 e che oggi suona piuttosto inquietante. «Sono contento qui dentro. Ho degli amici. Il cibo è buono. Tutto va bene. Sappiate che se mi impicco alla Epstein non sarà stata colpa mia». John McAfee si riferiva alle mosteriose circostanze del suicidio del miliardario Jeffrey Epstein, condannato per pedofilia e traffico di minori e ritrovato senza vita nel carcere di New York in cui era recluso. 

Una vita travagliata

McAfee era nato nel Regno Unito. Orfano di padre a 15 anni, nel 1986 decise di creare un programma di sicurezza per contrastare il fenomeno dei virus informatici che iniziava a dilagare in quei anni. Fondò così la McAfee Associates che lo rese milionario. Si trasferì poi in Belize dove aprì una fabbrica di sigari, commerciò il caffè, e si mise a capo di una società farmaceutica e di taxi. Tra l’accusa di omicidio nei confronti di un vicino nel 2012, la fuga in Guatemala e il ritorno negli Usa John McAfee ebbe il tempo di sposarsi con una prostituta di trent’anni più giovane, conosciuta a Miami pochi mesi prima. Prova pure a candidarsi, nel 2016 e nel 2020, entrambe le volt senza successo. Fermato e rilasciato dalle autorità americane nel 2019, vene infine arrestato a Barcellona nell’ottobre del 2020. La sua folla corse si fermerà lì. 

Cristina Gauri



La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. un altro sucididato….per conto terzi? a quanto si sa la piovra kabalistica è mutilpolare e non fa sconti!

Commenta