Il Primato Nazionale mensile in edicola

Vienna, 17 nov – Il video amatoriale, reso pubblico tre giorni fa, ha fatto in queste ore il giro del web, raggiungendo milioni di visualizzazioni e inducendo a rilasciare un commento sulla vicenda addirittura il cancelliere austriaco Christian Kern. Il contenuto del video è agghiacciante. Una 15enne austriaca di nome Patricia, presso il centro commerciale “Donauzentrum” di Vienna, viene brutalmente pestata da una baby gang composta da ragazze e ragazzi, sia immigrati che autoctoni. Patricia non oppone resistenza mentre è malmenata, ma sputa sangue e riporterà alla fine una doppia frattura alla mandibola. Durante il pestaggio una ragazza urla: “Mostra l’altra guancia!”, “Ora tocca a te” (rivolgendosi ai compagni), “Sputa!” (il sangue) e “Ha tolto il velo a una ragazza, demoliscila!”.

Alla fine interviene anche un ragazzo, tale Ahmed K., ceceno di 16 anni, che colpisce Patricia con un pugno al volto. La vittima della vile aggressione ha rivelato in seguito al quotidiano Heute di non aver reagito poiché gli altri erano in troppi: “Sapevo che, se avessi risposto ai colpi, ne avrei prese ancora di più. Quindi ho semplicemente aspettato che tutto finisse al più presto”. Non è ancora chiaro se il motivo della violenza sia stato veramente il fatto che Patricia avrebbe tolto a una coetanea il velo islamico. Anzi, secondo gli inquirenti, sembra più probabile che il pestaggio sia nato da una banale lite sorta su whatsapp. Eppure, l’accusa è pronunciata distintamente dalla ragazza che urla nel video e desta in ogni caso grande impressione. Sono scene forti che ci fanno capire che, per gli europei, la vita da “stranieri in patria” si sta rivelando sempre più pericolosa.

Giovanni Coppola

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. ma è un fake……dove sarebbero le islamiche? che se quelle sono più nude di quella che seconfo voi gli ha tolto il velo, ma andate a cagare

  2. Io l’unica cosa che capisco è che la ragazza c’ha le palle. Di islamici, sinceramente, stavolta neanche l’ombra…

Commenta