Gerusalemme, 27 lug – La notte a Gerusalemme è stata lunga. I palestinesi hanno esultato per la rimozione dei controlli per salire sulla Spianata. Una vittoria da celebrare perché la moschea di Al Aqsa e la sovranità palestinese sul terzo luogo sacro all’Islam, per ora, sembra essere rispettata.

Di seguito alcune foto e video della gioia con cui la rimozione delle telecamere di sicurezza è stata accolta dai palestinesi.

 

 

Commenti

commenti

1 commento

  1. “Gerusalemme, la terza città santa dell’Islam, da dove, secondo il Corano, il profeta Maometto è salito in cielo” Questa frase, ripetuta da tutti, non contiene alcuna verità, e viene usata dalla propaganda Araba solamente per giustificare le loro pretese sulla città, senza avere nessuna base, né storica, né religiosa. I fatti sono i seguenti:
    1. Gerusalemme non è menzionata neppure una volta nel Corano.
    2. Maometto è morto in Arabia e non è mai stato a Gerusalemme secondo quanto dicono tutti i testi di storia, anche Arabi, conosciuti.
    3. Le città sacre all’Islam sono Mecca e Medina; infatti, quando un Musulmano prega si rivolge verso Mecca e dà le spalle a Gerusalemme.
    4. Le moschee sulla spianata del Tempio furono costruite Dagli Uma’aia, una famiglia-tribù concorrente di quella che governava l’Arabia, e per cercare di rimpiazzarla; occorreva anche una moschea. Inoltre gli Uma’aia hanno condotto due guerre di invasione all’Arabia, senza successo. Gerusalemme e gli Uma’aia non sono, infatti, riusciti nei loro tentativi. Non hanno superato gli avversari né hanno cambiato il sito di culto dalla Mecca a Gerusalemme.
    5. Secondo il Corano Maometto è salito al cielo da “al aksa”, in Arabo: il sito più lontano, al limite, che si può intendere come la moschea più lontana.(sura 17:1) Quando è morto non esisteva nessuna Moschea fuori della penisola Araba, e sicuramente non poteva essere in Gerusalemme, ancora sotto governo cristiano. Esiste qualche fondamento allora a questa associazione? Nessuno. Si sa che Maometto è morto nel 632, Gerusalemme fu conquistata dal Califfo Omar nel 638; durante tutto questo tempo è stata sotto l’impero Bizantino, e sulla spianata del Tempio è stata eretta solamente la Chiesa di Santa Maria Justitiana.
    6. La moschea di Al Aksa è stata costruita 20 anni dopo quella della moschea Duomo della Roccia, che fu costruita a 691-2, nel 711, 80 anni DOPO la morte di Maometto, Abd el wahab ha ricostruito la Chiesa di Santa Maria convertendola in Moschea, lasciandola com’era, una tipica basilica Bizantina, con una fila di colonne ad ambo lati della navata. In un secondo momento ha solo costruito sopra una cupola a forma di cipolla per darle l’aspetto di una moschea. Le ha allora attribuito il nome Al aksa, per farla suonare come quella leggendaria menzionata nel Corano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here