Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 31 dic – Il presidente francese Emmanuel Macron accostato ad Adolf Hitler: è così che M, la rivista settimanale di Le Monde, ha decorato la sua prima pagina. Il fotomontaggio ruota attorno agli Champs-Élysées, qui raffigurati a tinte fosche, ed evoca il periodo in cui Parigi fu occupata dall’esercito tedesco. Il titolo di Le Monde intende così raccontare la parabola di politica di Macron, associandola al noto viale parigino: Dall’investitura ai gilet gialli: gli Champs-Élysées teatro del potere macroniano. Una parabola che, ora, è decisamente entrata nella sua fase discendente.
La scelta grafica di Le Monde, tuttavia, non è stata affatto gradita da molti suoi lettori. L’accusa principale rivolta al quotidiano francese è quella di aver utilizzato un’iconografia che richiama troppo da vicino quella nazionalsocialista. E così sui social è esplosa l’indignazione, con alcuni lettori che hanno addirittura minacciato di disdire l’abbonamento al giornale. Per questi motivi è dovuto intervenire Luc Bronner, il direttore di Le Monde, che si è prodigato in scuse attraverso un articolo pubblicato sulla versione online: «La copertina di M di sabato 29 dicembre – ha scritto Bronner – ha suscitato reazioni critiche da parte di alcuni dei nostri lettori. Ci scusiamo con coloro che sono rimasti scioccati dalle intenzioni grafiche che ovviamente non corrispondono ai rimproveri che ci sono stati indirizzati».
Al di là della scelta grafica di Le Monde, la popolarità di cui gode Macron in terra di Francia ha ormai toccato il fondo. Dopo la repressione inaudita della protesta dei gilet gialli, il presidente francese non è infatti riuscito a soddisfare gli scontenti con le correzioni alla sua legge di Bilancio, che peraltro sforerà il 3% del rapporto deficit/pil. E inoltre, proprio mentre sabato scorso andava in scena il VII atto della rivolta dei gilet gialli, Macron è stato immortalato in vacanza con la moglie a Saint-Tropez. Il che, ovviamente, non ha fatto che indispettire ancora di più buona parte dei francesi.
Elena Sempione

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta