maliBamako, 20 nov – Uomini armati hanno attaccato l’Hotel Radisson di Bamako, nel centro della capitale del Mali, prendendo in ostaggio 170 persone. L’attacco si è verificato alle 7, ora locale, le 8 in Italia. Si tratterebbe di 140 clienti e 30 dipendenti dell’albergo di lusso frequentato per lo più da stranieri. Già uccisi 3 ostaggi. La polizia maliana ha circondato l’edificio dopo che i terroristi sono entrati sparando al grido “Dio è grande”, secondo quanto riportato dalla BBC.

“L’hotel è sbarrato e nessuno può entrare dentro o uscire” , ha dichiarato a NBC News un portavoce del gruppo Carlson Rezidor, proprietario della struttura. “A ‘sigillare’ l’albergo – ha aggiunto – sono stati gli assalitori stessi, e non la polizia o altre forze di sicurezza”.

Il presidente del Mali, Ibrahim Boubacar Keita, ha parlato di matrice islamista dell’attacco terroristico aggiungendo: “Condanno nella maniera più ferma possibile questo atto barbaro che però non può avere niente a che vedere con la religione”. L’ambasciata statunitense ha invitato i cittadini americani a contattare i propri familiari e a “rifugiarsi in luoghi sicuri”.

Fonti delle forze di sicurezza maliane parlano di “spari nel corridoio al settimo piano”, dove si trovano le camere del personale di volo Air France. L’Onu in Mali ha assunto la responsabilità della sicurezza con forze composte da truppe francesi e africane a partire dal luglio 2013, in seguito all‘intervento militare nel Paese africano da parte delle forze armate francesi nel gennaio 2013 e dopo che le principali città del nord sono state conquistate da miliziani islamisti.

deputata siriana Maria Saadeh

Sugli attacchi a Bamako la parlamentare siriana Maria Saadeh, cristiana, ha rilasciato questa dichiarazione a Il Primato Nazionale: “I governi europei comprenderanno ora cosa significa terrorismo? Quel terrorismo che da cinque anni affligge il popolo siriano. Cambieranno la politica estera per cominciare ad essere più attenti alla questione della crisi in Siria”?

Ieri il presidente francese Francois Hollande aveva specificato che l’Isis considera la Francia nemica poiché Parigi è intervenuta in Mali nel 2013. Hollande ha puntualizzato che la  Francia ha aiutato il Paese africano ottenendo una “vittoria” e che i “terroristi lo sanno, per questo ci considerano nemici”.

BLITZ FORZE DI SICUREZZA: Sarebbero 80 gli ostaggi liberati nel blitz delle forze di sicurezza maliane e statunitensi, tra questi coloro che erano in grado di recitare passi del Corano, 12 membri dell’equipaggio dell’Air France e 5 dei sei ostaggi della Turkish Airlines che si trovavano all’interno dell’albergo. Il blitz è ancora in corso, mentre i terroristi stanno tentando di portare gli ostaggi negli scantinati dell’edificio. Cinquanta teste di cuoio francesi sono partite alle volte di Bamako per partecipare al blitz. I tre morti sarebbero due maliani e un francese.

MILITARI ITALIANI: Sono 15 i soldati italiani in Mali, nell’ambito di tre diverse missioni internazionali, nessuno di questi sarebbe però coinvolto nell’attacco terroristico. La Farnesina si è comunque attivata e sono in corso delle verifiche.

I TERRORISTI: Secondo Al Jazeera i terroristi che hanno assaltato l’hotel di Bamako appartengono al gruppo jihadista Ansar Dine. Mente la sicurezza maliana parla di miliziani appartenenti ad al-Mourabitoun, gruppo legato al Al Qaeda che di recente si sarebbe unito all’Isis.

GLI OSTAGGI: Tra gli stranieri, secondo quanto riportato dal sito maliano maliactu.net al momento dell’attacco terroristico erano presenti all’interno dell’albergo: sette algerini, sette cinesi, almeno sei cittadini americani, almeno dodici francesi, quattro belgi, due tedeschi, venti indiani e sette membri della Turkish Airlines

AGGIORNAMENTI ore 15:12: Gli ostaggi all’interno dell’hotel Radisson sarebbero ancora 136, il commando armato avrebbe rilasciato quindi meno di 80 ostaggi. Liberati 3 membri dello staff delle Nazioni Unite.

AGGIORNAMENTI ore 16:15: Sarebbero tre i terroristi morti nel blitz delle forze speciali. Il gruppo jihadista al-Mourabitaoun, in arabo “le sentinelle”, ha rivendicato l’attacco secondo quanto riportato da al-Jazeera. Il ministro Gentiloni intanto ha confermato che non ci sono italiani coinvolti. Mentre sei americani presenti all’interno dell’hotel sarebbero stati liberati.

AGGIORNAMENTI ore 16:35: Secondo il ministero degli esteri di Delhi sarebbero stati rilasciati 20 ostaggi indiani. Mentre un cittadino belga sarebbe rimasto ucciso.

AGGIORNAMENTI ore 16:39: Le Figaro parla di 18 morti rinvenuti all’interno dell’albergo

AGGIORNAMENTI ore 16:56: Il blitz delle forze speciali terminato, almeno 18 i morti nell’attacco jihadista. Tra le vittime ci sarebbe il funzionario belga Geoffrey Dieudonne. Liberati tutti gli altri ostaggi.

AGGIORNAMENTI ore 17:16:  Sale a 27 il bilancio dei morti nell’attacco jihadista a Bamako.

IL VIDEO: Turista cinese riprende la scena da una finestra dell’hotel assalito

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here