Il Primato Nazionale mensile in edicola
Newport, 29 giu – Le forzature e le contraddizioni della nuova ondata di antirazzismo che sta attraversando l’Occidente appaiono sempre più evidenti. Almeno agli occhi dei pochi fortunati ancora dotati di senno e raziocinio, decisioni come quelle adottate nella contea di Lincoln nello stato americano dell’Oregon appaiono semplicemente folli. Un’ordinanza della contea ha infatti esentato i “residenti non bianchi” dall’obbligo di indossare le mascherine. A riportarlo è il Newsweek. La motivazione? Per le persone “di colore” indossare una mascherina che copre il volto potrebbe “alimentare gli stereotipi razziali“. E così, per evitare un’improbabile discriminazione nei confronti di neri ed ispanici, gli unici obbligati ad indossare le mascherine saranno i bianchi, che in questo modo però saranno effettivamente discriminati. Il cortocircuito politicamente corretto è servito.

Le pressioni degli afroamericani

Insomma quelle che dovrebbero essere misure esclusivamente connesse all’emergenza sanitaria, mantenere un metro e mezzo di distanza, indossare mascherine in luoghi chiusi etc, sostanzialmente vengono invalidate in nome dell’antirazzismo. Ad essere esentati dall’utilizzo obblogatorio di mascherine ci saranno dunque i bambini al di sotto dei 12 anni, le persone con problemi respiratori e i “non bianchi”. Una decisione la contea ha adottato in seguito alle proteste della comunità afroamericana.Per molti neri, decidere se indossare o meno una bandana in pubblico per proteggere se stessi e gli altri dal coronavirus è una situazione a perdere, che può portare a conseguenze potenzialmente letali in entrambi i casi”. 

Il prof che giustifica la decisione

L’evidente discriminazione nei confronti dei bianchi viene sostenuta anche a livello accademico. Trevor Logan, professore di economia dell’Università dell’Ohio, ha spiegato come l’obbligo per i neri di indossare mascherine significherebbe “dire alla gente di apparire pericolosa a causa degli stereotipi razziali che sono là fuori”. L’approccio ideologico di Logan e della contea di Lincoln si pone in netto contrasto non solo con la razionalità, ma anche con le disposizioni dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), i quali raccomandano a tutti gli americani di indossare una copertura per il viso per contribuire a contenere l’epidemia di coronavirus”.
Davide Di Stefano

Commenta