Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 mar – Il coronavirus si sta drammaticamente diffondendo anche negli Stati Uniti, che negli ultimi giorni stanno registrando dati da far tremare chiunque. Ieri i casi attestati di persone contagiate erano oltre 10mila e i morti 152, oggi si contano più di 13mila casi di contagio e il bilancio delle vittime è salito a 193 persone. In quasi tutti gli Stati federati sono state adottate misure restrittive: ad esempio il governatore della California, Gavin Newsom, ha ordinato a tutti i cittadini di rimanere a casa per contrastare la diffusione del virus. Eppure c’è chi se ne sbatte allegramente, come se fosse immune dal contagio.

Tutti in spiaggia

E’ il caso del governatore della Florida che si è rifiutato di chiudere le spiagge che proprio in questi giorni sono affollate da migliaia di giovani arrivati da tutti gli States per l’ormai tradizionale “spring break”, la festa di primavera che riempie di persone in particolare Miami e Daytona Beach. Solitamente si tratta di una settimana di vacanza al mare, che anche quest’anno a giudicare dalle immagini che giungono dalla Florida è decisamente vissuta. D’altronde il governatore Ron DeSantis ha semplicemente obbligato i ristoranti a dimezzare la loro capienza e nulla più. Così, in barba ai rischi della pandemia, ecco che migliaia di ragazzi e ragazze bivaccano tutti insieme a Miami.

Alessandro Della Guglia

1 commento

Commenta