Il Primato Nazionale mensile in edicola

Monaco, 1 dic – Monoliti che spuntano, monoliti che scompaiono, ora il mistero si estende anche alla Germania: durante los corso fine settimana è sparita anche la statua in legno a forma di pene alta due metri, che da anni si ergeva sul monte Grünten a sud-ovest di Monaco. Lo riporta il quotidiano Allgaeuer Zeitung.



Scompare la statua a forma di pene, ma non si sa nemmeno come è apparsa

Ora tutto ciò che rimane del monumento è un piccolo ceppo e alcuni trucioli di legno. Il mistero non riguarda solo la scomparsa della struttura, ma anche le sue origini: ignoto è infatti il nome di chi l’abbia scolpita ed eretta. Nessuno sa, peraltro, come la scultura da 200 kg sia stata trasportata su per la montagna.

Certo è che la statua era diventata un punto di riferimento sul monte Grünten – alto 1.738 metri – attirando nella zona molti escursionisti che non mancavano di auto immortalarsi in foto più o meno goliardiche. Un luogo talmente iconico da essere riconosciuto anche dall’applicazione Google Maps, che descriveva la statua a forma di pene come un «monumento culturale».

Da dove arriva la scultura?

Una teoria alquanto accreditata circa l’origine della statua – riportata anche dai media tedeschi – prova a spiegarne la comparsa ipotizzando che la scultura fosse un regalo di compleanno goliardico, scolpito da un gruppo di giovani. Ma il regalo venne rifiutato e il gruppo di amici lo aveva trasportato sulla cima della montagna trasportandolo con una slitta.

La polizia indaga 

La polizia nella città bavarese di Kempten ha dichiarato di aver aperto un’indagine. Anche se, riferiscono, «Non sappiamo nemmeno se si tratti di un reato», dichiara ad Allgaeuer Zeitung il portavoce della polizia Holger Stabik. Vi sarebbero cioè delle difficoltà oggettive nel determinare chi potrebbe essere la parte lesa nel caso, dal momento che la statua non ha un proprietario. Il sindaco della vicina Rettenberg, Nikolaus Weissinger, ha definito «un peccato» la scomparsa della statua a forma di pene.

Aldo Milesi



La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta