Il Primato Nazionale mensile in edicola

austria polizia immigratiVienna, 28 mar – Niente da fare, l’Austria proprio non vuole ospitare profughi o sedicenti tali e si avvia allo scontro frontale con l’Unione Europea. Ad annunciarlo è il cancelliere austriaco in persona, Christian Kern, che a dispetto del pedigree da socialdemocratico usa toni quasi da ‘populista’, forse per preparare già la lunga volata di avvicinamento alle elezioni legislative dell’anno prossimo, alle quali è da attendersi un testa a testa che potrebbe vedere vincitori i nazionalisti della Fpo, arrivati ad un soffio dalla conquista della presidenza della repubblica l’anno scorso.

Kern ha voluto essere molto chiaro: l’Austria non farà ulteriori sforzi per accogliere immigrati, dato che la quota a lei attribuita, vale a dire 2mila persone, è già stata a suo avviso ampiamente superata con gli accessi illegali nel paese degli ultimi mesi. “Penso che l’Austria abbia dato un contributo umanitario adeguato”, ha aggiunto il ministro della Difesa, anch’egli socialdemocratico, Hans Peter Doskozil.

Leggi anche – Vienna non vuole i profughi dall’Italia e chiede la chiusura della rotta del Mediterraneo

Parole, quelle del governo austriaco, che hanno fatto andare su tutte le furie l’Ue. “Non ci sono più scuse”, ha tuonato il Commissario per gli affari interi e le migrazioni, Dimitris Avramopoulos. “Nessun Paese può ritirarsi unilateralmente dal piano”, che è “legalmente vincolante. Se lo facessero sarebbero fuori dalla legge e questo sarebbe profondamente deplorevole e non senza conseguenze”, ha poi spiegato la portavoce della Commissione Natasha Bertaud. In Gran Bretagna la pensando un tantino diversamente.

Nicola Mattei

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta