Il dibattito degli ultimi mesi, in un momento in cui lo slancio del conflitto ucraino è andato scemando – più sui media occidentali che sul fronte – riguarda la centralità dello scenario taiwanese. Al centro della discussione vi è la possibilità che Taiwan possa costituire il cuore del prossimo conflitto che vedrà coinvolta una grande potenza o, addirittura, la scintilla prodromica a uno scontro che designerà chi sarà la prossima superpotenza. Pochi mesi fa l’affaire Pelosi portò i toni cinesi a temperature mai viste; tuttavia, passata qualche settimana, non si erano registrate grandi reazioni da parte di Pechino.

Essere superpotenza

Non pochi analisti ritengono peraltro che, oltre a motivazioni storiche, politiche e di prestigio – che comunque per una grande potenza, anche futura, sono ragioni di valore strategico – per la Cina vi siano anche ragioni più materiali e fattuali per considerare l’annessione di Taiwan un importante obbiettivo da raggiungere il prima possibile. Non solo Taiwan è il centro della produzione mondiale di microchip e pertanto fondamentale tassello per il futuro della produzione cinese; in un’ottica più militare, al momento è anche «il tappo» che impedisce a Pechino di passare dall’essere una grande potenza terrestre a una potenza marittima.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di gennaio 2023

Vera premessa per essere considerati realmente «superpotenza» è infatti la capacità di operare ovunque nel mondo, e questa capacità la si ottiene esclusivamente possedendo una dimensione marittima globale. Sulla carta, quindi, vi sono ottime ragioni, oltre alla nota questione di rendere fattibile il principio di «una sola Cina», affinché Pechino possa in qualche modo annettersi Taipei. Ma quanto è realistico questo scenario nel breve periodo? A nostro avviso, e ora vedremo perché, molto poco.

Gli occhi della Cina su Taiwan

Partiamo dal punto di vista strettamente militare, senza – al momento – fare considerazioni politiche e diplomatiche: la Cina ha le forze per organizzare un’invasione dell’isola? Al momento, per essere chiari, no. Le forze da…

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta