Il Primato Nazionale mensile in edicola
palmira al colosseo
testa Toro

Roma, 15 set – Un incredibile lavoro di ricostruzione in scala prende vita nelle sale espositive del Colosseo in Roma. Oggetto dell’evento, che si preannuncia epocale, i tesori di Palmira, la città siriana patrimonio dell’umanità e tutelata dall’Unesco, danneggiata barbaramente dai terroristi anti siriani qualche mese fa. Con l’utilizzo della stampa 3D e materiali all’avanguardia una ditta italiana ha ricostruito gioielli della civilizzazione come il Toro di Nimrud, la sala dell’Archivio di Stato di Ebla e il soffitto del Tempio di Bel in scala 1:1.

archeologo matthiaeLa mostra al Colosseo che si svolgerà dal 7 ottobre all’11 dicembre e sarà patrocinata dall’Unesco ha un nome evocativo e carico di significato: “Rinascere dalle distruzioni-Ebla, Nimrud, Palmira’. A curare l’evento figura tra gli altri l’archeologo Paolo Matthiae “eccellenza italiana” scopritore dei maggiori siti archeologici siriani. E’stato proprio l’archeologo ad accendere i riflettori su quello che appare come un punto essenziale delle collaborazioni culturali con la Siria affermando che se si ricostruirà si devono considerare tre principi fondamentali, senza i quali lui non “parteciperebbe”: il rispetto della sovranità dei paesi, il coordinamento e controllo da parte dell’Unesco e un’ampia collaborazione internazionale.

sol.id. onlus in siriaSovranità, cultura e cooperazione quindi, che nella città di Roma trovano una naturale sede millenaria e dove da qualche mese è in opera un’ altra valida iniziativa promossa dalla Onlus Solidarité-Identités in collaborazione con la comunità siriana in Italia e su mandato diretto del ministero del turismo siriano per portare in Italia l’iniziativa I belong to ( io appartengo) volta a raccogliere fondi proprio per la ricostruzione dei siti archeologici distrutti, danneggiati e spesso trafugati dai terroristi, tramite la vendita di riproduzioni dall’alto valore artistico della splendida tavoletta di cera rivenuta nella biblioteca reale di Ebla.

Alberto Palladino

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta