Roma, 26 mag – Non solo Mattarella e la gran parte dei media italiani, intenti a impedire la nomina di Paolo Savola a ministro dell’Economia, come se fosse normale e legittimo fare quadrato contro la maggioranza parlamentare che sta cercando di formare il governo. Ci mancavano i giornali tedeschi, in preda al vittimismo più allarmista. “Savona odia la Germania”, tuona la stampa di Berlino abituata ad essere lisciata dai precedenti esecutivi italiani. E’ un vero e proprio attacco congiunto e bipartisan: “L’Italia vuole un nemico della Germania al governo”, scrive la Frankfurter Allgemeine Zeitung.
A fargli eco è l’altro quotidiano di spicco tedesco, la Sueddeustche Zeitung: “Mai prima d’ora un presidente della Repubblica è stato messo così sotto pressione come in questi giorni dai due partiti (che stanno formando il governo, ndr)”. Come se le pressioni non le mettesse al contrario Mattarella, che si sta impuntando su quel nome.
“Si ostinano sul nome dell’eurocritico radicale Paolo Savona”, scrive ancora il giornale bavarese. “Questo odiatore della Germania dovrebbe entrare nel governo italiano“, spara al solito sobriamente Bild, che paragona poi il professore in pensione al greco Yanis Varoufakis, “che nel 2015 portò l’eurocrisi ai massimi livelli innervosendo tutta Europa”. I quotidiani tedeschi si scagliano anche contro i libri di Savona, in cui sono state espresse tesi antitedesche e contro l’euro. Un siparietto livoroso che suona come un deja vu, ma che stavolta rende bene l’idea del perché Mattarella stia alzando un inaccettabile muro.
Alessandro Della Guglia
 

12 Commenti

  1. Gli alemanni non vogliono nessun odiatrore della Germania . Vogliono mantenere il primato dell’odio contro l’Italia e noi dobbiamo,secondo loro, solo stara a guardare.
    Speriamo che Salvini tenga duro e non molli.

  2. dai commenti e dagli articoli son tutti anti-euro anti-tedeschi, senza capire che mai come ora l’europa dovrebbe esser unita e riformata ma con gente che la ama davvero… gli italiani son troppo stupidi e tonti, vassalli che fan sempre il gioco degli anglo-americani…
    inglesi d’italia e ciarlatani, che popolo decadente che siamo…

    • totalmente d’accordo, è assurdo vedere gente che sostiene gli squatter del M5S per pura eurofobia; il problema è la dipendenza dal debito, non il creditore, che è normale che pretenda di essere pagato; vorrei vedere cosa direbbero i germanofobi di sopra se in un ipotetica situazione credito-debito con la Romania quest’ultima paventasse di saldare i debiti nei confronti dell’Italia….

  3. mai prima d’ora la Germania si è direttamente interessata della formazione del governo italiano. Forse nel 1943 dopo l’8 settembre, durante l’occupazione. a questo siamo arrivati

  4. Certo I tedeschi non girano intorno alle parole quando devono farci qualche osservazione…. Noi però mai una volta che facciamo una sana autocritica a noi stessi e al fatto che siamo un paese che spende troppo e male

Commenta