Il Primato Nazionale mensile in edicola

Berlino, 18 ott – Ve li immaginate degli agenti di polizia intonare versi rap nel ghetto di una metropoli multietnica? Se non siete in grado di farlo, è perché non conoscete la polizia di Berlino. I poliziotti della capitale tedesca, infatti, hanno partecipato a un video rap in cui esaltano «tolleranza», «integrazione» e «multiculturalismo», e in cui deprecano l’«odio» e la «discriminazione». Esatto: degli agenti in divisa si sono messi a cantare – così il testo – che «solo combattendo distanza, pregiudizi e paure, possiamo far crescere la comprensione e il rispetto reciproci».
L’iniziativa è partita dal distretto 36 della polizia di Berlino, che già due anni fa era formato per il 62% da cittadini di origine straniera. I promotori del video hanno parlato di «un gesto comune contro l’odio e l’emarginazione». Il testo della canzone si apre così: «Siamo tutti uguali, qui nessuno è straniero, niente odio, qui soltanto amore viene donato». Uno degli agenti, improvvisato rapper, lo giura: «Spazzeremo via la xenofobia». Un altro uomo in uniforme canta: «Dammi la mano, io ricambierò, niente nemici, noi siamo piuttosto una squadra».

Nel video si possono dunque ammirare sia poliziotti di Berlino che cantano, mostrano armi e giubbotti antiproiettile, sia bambini e adulti di origine straniera che ballano e si abbracciano, sia anche politici, come la deputata berlinese del Partito socialdemocratico (Spd) Eva Högl. Chissà se, a questo punto, faranno un video anche a Neukölln, il quartiere di Berlino ad altissimo tasso di residenti immigrati in cui la polizia non può entrare se non con un amplissimo dispiegamento di forze. Perché, si sa, a Berlino sono tutti amici.
Valerio Benedetti

4 Commenti

  1. Stiamo vivendo una dittatura con l’estremismo del multiculturalismo imposto. È vietato essere se stessi, e difendere la propria identità. I media poi si sono spostati dalla semiotica per vendere prodotti alla propaganda di valori alieni, di una dottrina aliena che è già legge.

  2. La polizia ci disarma e, come se non bastasse, ci mostra orgogliosa i propri agenti di origine africana e beduina! Stranieri invasori a cui NOI paghiamo armi & munizioni! A cui NOI diamo potere & controllo! A cui NOI affidiamo la sicurezza nostra e sei nostri cari!!! Invasori dal sorriso beffardo! Occupanti il cui muso, i cui sguardi e le cui espressioni sono carichi di promesse!… Promesse che in cuor loro, e spesso anche apertamente e con strafottenza, ci fanno sul nostro futuro prossimo venturo!!!… Come & quanto mi sento protetto & tutelato quando ne vedo qualcuno!!! Che DIO stramaledica coloro che ci stanno vendendo, come se fossimo un branco di pecore belanti, alle bestie che scientemente, vilmente & infingardamente stanno occupando la terra dei PADRI!!! MALEDICILI SIGNORE!!! Se esisti! E se sei giusto!!!

Commenta