Roma, 5 apr – Vladimir Putin ora pensa a limitare le esportazioni di cibo verso i “Paesi ostili”, come riporta Il Fatto Quotidiano.

Putin e le esportazioni di cibo

Per il presidente russo Putin, la Russia dovrà essere “più prudente” con le esportazioni di cibo all’estero, “specialmente verso i Paesi ostili”. Il leader del Cremlino ha espresso questo parere prefigurando, quindi, una limitazione. Poi ha aggiunto: “L’Occidente sta cercando di scaricare i propri errori economici sulla Russia, per risolvere i problemi a spese di Mosca”. La rappresaglia, pur non essendo ancora attiva, è attualmente al vaglio presso il governo russo.

Quali prodotti?

Putin parla di limiti alle esportazioni di cibo. Ma quali sono i prodotti interessati? Sostanzialmente di grano e semi di girasole. Del primo, la Russia è uno dei maggiori produttori al mondo insieme all’Ucraina (una quota del 25% del commercio globale). Il valore delle esportazioni russe è di circa 106 miliardi di dollari, e il calo del 15% delle esportazioni dall’Ucraina stessa è stato compensato parzialmente dall’aumento di quelle provenienti da Argentina. Brasile, India e Stati Uniti. I paesi più dipendendi dal grano russo sono lo Yemen, la Turchia e l’Egitto, ma il mercato è in totale fibrillazione e gli aumenti ci sono stati un po’ ovunque, visto che il prezzo del grano è salito dall’inizio dell’anno del 65% mentre quello del mais del 32.

Quanto ai semi di girasole, gli osservatori affermano almeno dal 2011 (epoca delle primavere arabe) quanto la sua mancanza possa generare instabilità nei paesi più poveri. Da Russia e Ucraina arriva infatti l’80% dell’offerta globale dei semi, con il quale si produce l’olio da cucina. Ed è un’offerta che secondo le stime sfama 400 milioni di persone nel mondo.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Non sopporta che gli si tolga l’amicizia su FB,,,, è alla ricerca spasmodica di simpatie….
    tra quello che non ti comprano più gli altri e quello che non gli dai più tu, caro Vladi. ti vedo male…

  2. Non ho mai comprato e consumato semi di girasole.
    Vuol dire che perderò l’occasione di assaggiarli.

Commenta