razvitieMosca, 22 giu – Razvitie in un russo significa “Sviluppo”. Razvitie – Sviluppo è appunto il nome di un piano di grandi investimenti strutturali che ha l’obiettivo di creare un corridoio euroasiatico: una rete di comunicazione via terra che vada dalla costa atlantica dell’Europa fino alla costa russa del Pacifico.

La rete è completa e include trasporti ferroviari e autostradali, pipeline per gas, petrolio, acqua, reti di comunicazioni.

Lungo questa rete di comunicazione è prevista anche la costruzione di insediamenti produttivi e di centri urbani.

Il quadro che si prospetta è affascinante: la “conquista della Siberia” è ancora un capitolo aperto. Realizzare opere umane in questo luogo ricchissimo di risorse è una impresa che con le tecnologie del XXI secolo può essere compiuta in maniera ancora più profonda e capillare. L’Europa Occidentale associandosi alla Russia ha la possibilità di partecipare a questo grande progetto. La via dell’Est è sempre aperta, è necessaria solo la volontà poitica di percorrerla.

Per questo Razvitie è una tappa importante nella realizzazione della Grande Europa proiettata verso l’Asia, attraverso l’espansione in una regione che appartiene a uno Stato europeo: la Russia.

Il progetto Razvitie è stato presentato l’11 marzo del 2014 all’Accademia delle scienze russe dal presidente delle Ferrovie Russe Vladimir Yakunin.

E anche in Italia lo scorso 15 aprile Razvitie è stato illustrato in un convegno a Milano a cui hanno partecipato il presidente della Millenium Bank di Mosca, Mikhail Baydakov, dal segretario generale di Eurispes, Marco Ricceri, e dal direttore del Centro Studi Avanzati “E. L. Shiffers” di Mosca, Iuri Gromyko.

Certo che i tempi cambiano. Il Gromyko che oggi viene a presentare il progetto infrastrutturale è nipote del vecchio Andrey Gromyko, ministro degli esteri dell’URSS per un decennio e predecessore di Gorbaciov alla presidenza del Soviet Supremo: ultimo grande protagonista della guerra fredda. Quando Mosca era al di là della cortina di ferro, un mondo impenetrabile. Ora la cortina di ferro è caduta, insieme al muro di Berlino e l’Europa può diventare grande unendo le due facce della sua medaglia: l’Oriente e l’Occidente.

Un ricordo personale: ero alla manifestazione organizzata dal Movimento Giovanile Italo-Russo il 13 aprile a Roma. Alla fine del discorso mi si avvicina un signore con la barba… grillino. E mi dice: “Lei conosce il progetto Razvitie? I Russi hanno proposto a Enrico Letta a Trieste di associarsi attivamente alla realizzazione dell’opera, allacciando il corridoio ad alta velocità che passa per la Val di Susa alle reti di comunicazione russe… Anche per questo Enrico Letta è stato fatto fuori!” Cogliendo la palla al balzo della rivelazione un po’ complottista, ma non priva di buon senso chiedo allora al sagace grillino: “Ma allora voi perché vi opponente alla Tav?” E il bianco-barbuto: “Ah beh noi ci opponiamo per altre ragioni, non per questa…”

Alfonso Piscitelli

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here