Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 18 lug – Boris Johnson riapre tutto e toglie anche l’obbligo della mascherina al chiuso: domani nel Regno Unito è il “giorno della libertà“. Malgrado si registrino 54.674 nuovi casi di Covid, il premier britannico criticato proprio per questo dagli scienziati di casa sua, conferma le riaperture a partire dal 19 luglio. Si prevede il via libera ad attività come i locali notturni. Via ogni tipo di limitazioni per cinema, teatri, eventi pubblici, matrimoni o funerali. Addio anche all’uso della mascherina al coperto e il distanziamento.



Regno Unito, BoJo riapre tutto: domani è il “giorno della libertà”

Inoltre, da lunedì, i residenti del Regno Unito che rientreranno dagli oltre 100 Paesi – Italia inclusa – della cosiddetta “lista ambra” non dovranno più essere messi in quarantena, ma Downing Street ha annunciato che questa apertura non si applicherà a chi torna dalla Francia, a seguito della presenza Oltremanica di casi della variante Beta. La totale eliminazione delle restrizioni anti-Covid nel Regno Unito, il giorno dopo la notizia della positività al Covid del ministro della Salute Javid, è però, come detto, fortemente criticata, e definita una scelta “pericolosa e immorale” anche fuori dalla Gran Bretagna. Specialisti e consulenti governativi di diversi Paesi hanno appoggiato una lettera della rivista medica Lancet in cui i piani del governo britannico (tra cui lo stop all’uso obbligatorio della mascherina ed al distanziamento sociale) erano stati definiti “pericolosi e prematuri“. Nel mirino c’è l’approccio di immunità di gregge, definito “completamente inaccettabile”, secondo alcuni esperti.

Contatto con ministro Salute positivo, il premier non andrà in isolamento

Intanto BoJo fa sapere che non andrà in isolamento in seguito al contatto con il ministro della Salute. Preferisce aderire a un“programma pilota” offerto dal Sistema sanitario nazionale. Tale programma gli consente di continuare a lavorare a Downing Street sottoponendosi però a test quotidiani. Lo conferma Downing Street, riferiscono i media britannici sottolineando che la stessa scelta è stata fatta dal cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak. Insomma, nel Regno Unito la variante Delta non fa alcuna paura – anche perché all’aumento dei contagi non segue un aumento dei ricoveri. Ecco perché il governo conferma il ritorno alla totale normalità.

Ludovica Colli



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. […] A partire dalla mezzanotte di ieri è scattato il via libera ad attività come i locali notturni. Via ogni tipo di limitazioni per cinema, teatri, eventi pubblici, auditorium, matrimoni o funerali. Addio anche all’uso della mascherina al coperto e il distanziamento. Agli stadi sarà consentito di raggiungere la capienza massima, le discoteche tornano ad affollarsi. Il telelavoro o smart working diventa da oggi facoltativo. Scozia e Galles mantengono l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso e nei trasporti. […]

Commenta