Addis Abeba, 18 lug – I primi frutti della pace raggiunta tra Etiopia ed Eritrea si vedono nel traffico aereo. Erano 20 anni che non volavano aerei tra i due Paesi. Questa mattina il primo volo commerciale da 20 anni a questa parte tra l’Etiopia e l’Eritrea ha lasciato l’aeroporto di Addis Abeba.
Il volo ET0312 della Ethiopian Airlines per Asmara è decollato dopo una cerimonia di inaugurazione allo scalo internazionale Bole. “Questo segna un evento unico nella storia dell’Etiopia e dell’Eritrea”, ha detto l’amministratore delegato della compagnia, Tewolde GebreMariam, durante la cerimonia. Un secondo volo, per la medesima destinazione, è decollato a distanza di 15 minuti dal primo.
A bordo 456 passeggeri, per lo più persone separate dalle loro famiglie dalla guerra. Dal racconto di un giornalista dell’AFP a bordo del secondo volo si sa che sono state distribuite rose ai passeggeri prima del decollo, e che a tutti è stato offerto dello champagne. A bordo c’erano anche molti ambasciatori e vari esponenti della società civile. Ma soprattutto c’era l’ex premier etiope, Hailemariam Desalegn, dimessosi lo scorso febbraio.
Il primissimo volo della compagnia etiope era però atterrato ad Asmara lo scorso 8 luglio, quando è stata firmata la Dichiarazione di pace e amicizia che ha messo la parola fine a un conflitto che durava dal 1998. Un conflitto sui confini durante il quale sono morte circa 80mila persone. Nei giorni scorsi, poi è stata riaperta l’ambasciata dell’Eritrea ad Addis Abeba, chiusa 20 anni fa. Alla cerimonia di riapertura erano presenti il presidente eritreo Isaias Afewerki e del premier etiope Abyi Ahmed. In quell’occasione è stato anche annunciato che “la piena normalizzazione dei rapporti tra Etiopia ed Eritrea creerà le condizioni ideali per affrontare le restanti questioni strategiche nell’interesse comune delle due nazioni”.
Anna Pedri
 

Commenta