Mosca, 31 ott – Attentato nella sede dei servizi di sicurezza interni russi (Fsb)non lontano dal confine con la Finlandia. Un giovane di 17 anni è entrato nell’ex stabile del Kgb a Archangelsk con una borsa. All’interno nascondeva un ordigno artiginale che poi gli è esploso tra le mani, uccidendolo. Nell’attacco terroristico sono rimasti feriti tre membri dello staff del dipartimento dell’Fsb. Il Comitato Investigativo russo ha aperto un procedimento penale per terrorismo e indaga per capire se dietro all’attentato vi sono altre persone o se si è trattato del gesto isolato di un fanatico. “Secondo i dati preliminari – ha detto l’agenzia antiterrorismo russa – il ragazzo ha preso dalla sua borsa un oggetto che è poi esploso tra le sue mani provocando feriti mortali”.

L’attacco poi rivelatosi suicida è stato preceduto da un messaggio sui social, che preannunciava l’attentato, accusando i servizi segreti russi di fabbricare accuse contro gli attivisti antigovernativi e torturarli. Nel frattempo il Comitato investigativo russo ha diffuso su Whatsapp la foto del 17enne attentatore che ha compiuto l’attacco: si vede il ragazzo con i capelli corti entrare nell’edificio con una borsa, dove verosimilmente era contenuto l’esplosivo, che poi gli è deflagrato in mano, uccidendolo. Secondo alcune fonti il 17enne era uno studente del Politecnico di Arkhangelsk e faceva parte di una comunità online di “anarchici”. Igor Orlov, governatore della regione di Arkhangelsk, ha convocato immediatamente una riunione operativa.

Eugenio Palazzini

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here