Roma, 10 mag — Il Trent College, liceo nei pressi di Nottingham, ha segnalato il cappellano dell’istituto al programma di prevenzione del terrorismo dopo che questi aveva tenuto un sermone in cui spiegava agli alunni che potevano anche non essere d’accordo con l’ideologia gender.

Cappellano segnalato all’antiterrorismo per aver criticato il gender

Il protagonista dell’assurda vicenda è il reverendo dott. Bernard Randall, 48 anni. La scuola ha denunciato Randall al programma Prevent che mette sotto la lente d’ingrandimento i cittadini a rischio di radicalizzazione. Dopo accurate indagini, la polizia ha per fortuna decretato che il cappellano non rappresentava alcuna minaccia terroristica. Lo riferisce il Mail on Sunday.

Il parroco cita in giudizio la scuola

Ma l’episodio non finisce qui e tocca ben più alte vette di follia. Secondo quanto riportato dallo stesso cappellano, la scuola lo avrebbe inizialmente avvertito che i futuri sermoni avrebbero subito un’opera preventiva di censura, per poi licenziarlo poco tempo dopo, riducendo così la sua «carriera e vita» a «brandelli». Randal non si è però dato per vinto e ha citato in giudizio la scuola per discriminazione, molestie, vittimizzazione e licenziamento ingiusto. Il suo caso dovrebbe essere ascoltato dai giudici il mese prossimo.

Il sermone “radicalizzato”

I fatti risalgono al giugno 2019, mese in cui Randall lesse il sermone davanti agli alunni: «A nessuno dovrebbe essere detto che deve accettare per forza l’ideologia Lgbt». Il cappellano aveva precisato che «dovremmo rispettare le convinzioni degli altri, anche dove siamo in disaccordo». E ancora: «Dobbiamo trattarci l’un l’altro con rispetto, senza attacchi personali: questo è ciò che significa amare il prossimo come sé stessi. Discutiamo con tutti i mezzi. Ama il tuo prossimo anche quando non ti piacciono le sue idee. Non denigrare una persona semplicemente perché ha opinioni e convinzioni che non condividi». Non proprio quello che definiremmo un discorso da «radicalizzati». 

Il cappellano era entrato a far parte della scuola nel 2015 per fornire assistenza pastorale a professori e alunni. Ha raccontato di avere scritto il sermone preoccupato per l’intervento di un’organizzazione chiamata Educate & Celebrate, gestita dalla dott.ssa Elly Barnes, invitata dalla direzione a educare sull’inclusione Lgbt nell’istituto. Randall è stato poi escluso dal programma dopo aver affermato che alcune delle convinzioni della Barnes erano contrarie ai valori cristiani.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteLe iniettano per sbaglio sei dosi di vaccino, 23enne ricoverata a Massa
Articolo successivoCalenda sferza il Pd: “Il M5S vi ha scelto il candidato sindaco di Roma”
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

Commenta