Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 4 gen – Secondo Tony Blair l’unico modo per fermare la Brexit è il voto a oltranza e il 2018 è l’anno decisivo per cambiare idea e restare in Europa. L’ex premier britannico ha rilasciato un’intervista a Repubblica, dove afferma che toccherà al Parlamento bocciare il provvedimento. Che Blair ritenga la Brexit una sciagura per il Paese non è una novità. Da tempo, infatti, sta ventilando l’ipotesi di tornare alla politica attiva pur di fermare l’uscita del Regno Unito dall’Europa. Nell’intervista a Repubblica, però, spiega la sua ricetta per mettere la parola fine al processo di uscita dall’Ue.
“Il 2018 sarà l’ultima chance di fermare la Brexit” afferma Blair. “Toccherà al parlamento britannico bocciarla. Ma anche l’Unione europea avrà un compito cruciale: dire alla Gran Bretagna che la porta resta aperta”. Inoltre l’ex premier è convinto che la battaglia decisiva cominci ora: “Il 2017 era troppo presto perché il negoziato era agli inizi, il 2019 sarà troppo tardi”. Quello da cui bisogna guardarsi, secondo lui, è il fatalismo che dà per scontato che la Brexit sia un processo irreversibile. “Del resto cambiare idea è l’essenza della democrazia”.
Ma scendendo più nel concreto Blair suggerisce al Parlamento britannico di continuare a votare per affossare il provvedimento, e ipotizza persino un altro referendum, poiché nel 2016 i cittadini britannici hanno “votato sull’appartenenza all’Ue ma non sul proprio futuro rapporto” con essa e ora è legittimo chiedere di riesaminare la questione.
Repubblica gli fa notare che nessuno si era spinto a tanto finora, nemmeno l’attuale leader laburista Jeremy Corbyn ha mai chiesto un secondo referendum. Ma Blair è convinto che se i Labour voteranno a favore dell’accordo finale perderanno una buona parte dell’elettorato. Di qui l’appello al Parlamento, che già in passato ha sconfitto Theresa May, imponendo un voto sull’accordo finale. A questo punto Balir auspica che la cosa si ripeta il prossimo autunno, con un voto negativo all’accordo. Si potrebbero così aprire vari scenari, tra cui la strada verso le elezioni anticipate e un nuovo referendum.
Anna Pedri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Dunque i cittadini vanno educati con le buone o con le cattive finché non ti danno ragione e ti votano,il parlamento faccia quello che vuole tanto i sudditi di sua maestà hanno votato per caso……questo str**zo inglese,comunistello e mentecatto, assomiglia sin troppo ai nostri piddini razzisti ,sempre e specialmente con i servi italici,per i quali se sei di destra devi morire e soccombere,oppure puoi cambiare idea ed divenire servo del loro mondo meticcio del cavolo…..addio al primate inglese , andate a fare un giro in paese ai comunistelli italioti.

  2. Il ns fabbricante di prove ad personam, in pochi semplici concetti, ci ha spiegato la moderna dittatura mondialista.

Commenta