nbnRoma, 26 ott – In Siria, oltre 800.000 rifugiati e sfollati hanno fatto ritorno alle proprie case dopo l’inizio dei raid russi contro i terroristi.

Lo ha dichiarato il Gran Muftì di Siria, Ahmad Badr al-Din Hassoun, in un incontro con i membri della delegazione parlamentare russa arrivati a Damasco lo scorso 23 ottobre.

Secondo l’Agenzia Interfax, il Gran Muftì avrebbe rilasciato questa dichiarazione a Sergei Gavrilov, capo commissione della Duma, invitando i due Paesi, Russia e Siria, ad impegnarsi in un aiuto reciproco, essendo entrambi basati su una storia inter-confessionale e di dialogo tra le religioni.

Giovanni Feola

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

4 Commenti

  1. Le ONG finanziate dei servizi di intelligence dicono che ne stanno scappando 130.000, ma si sono già ampiamente sputtanate.

  2. L’importante é che gli islamici restino in Siria, o se vengono qui abiurino Corano, Sharia, Maometto e jihad. Gli islamici in Europa e nel Mondo hanno sempre fatto danni

    • L’importante, invece, è che qui rispettino le nostre leggi.
      Comprese quelle che assicurano la libertà di credere in qualsiasi religione.

  3. L’importante invece sarebbe che ognuno restasse a casa propria senza essere costretto a lasciare la propria terra ed il proprio popolo e/o costringere gli altri popoli a devastare il proprio tessuto sociale e la propria civiltà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here