Bangkok, 2 lug – Una vicenda che ha dell’incredibile. Dopo nove giorni di ricerche, sono stati trovati tutti vivi i 12 ragazzi dispersi in una grotta in Thailandia insieme al loro allenatore. Sono rimasti imprigionati per nove lunghi giorni ma sono sopravvissuti e sono tutti in buone condizioni, come riferito da Narongsak Osatanakorn, governatore della provincia di Chiang Rai, che ha diretto le operazioni di soccorso.

I ragazzi dispersi sono stato ritrovati a 400 metri dalla cavità di”Pattaya Beach”, rimasta asciutta durante le inondazioni, e a quanto sembra non si sono mai mossi da lì per per tutta la durata della loro scomparsa. Secondo le autorità thailandesi, ci vorranno ancora alcune ore per concludere le operazioni di recupero e riportare i 13 dispersi all’esterno della grotta.

Alberto Palladino

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’assist dell’Ue ai trafficanti: “Non rimanderemo mai i migranti in Libia”
Prossimo articoloIl Belgio elimina il Giappone all’ultimo respiro, ma i “samurai” escono a testa alta
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here