Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 2 mag – Nuovo giro di vite sulle politiche migratorie negli Stati Uniti. Nei giorni scorsi il presidente Donald Trump ha diffuso un comunicato in cui vengono illustrati i punti principali della riforma della legge che regolamenta l’immigrazione. Le norme che regolano le domande d’asilo negli Usa non sono mai state tenere ma d’ora in poi sarà ancora più difficile per gli immigrati entrare negli States e restarci. le Ong umanitarie non hanno perso tempo, bollando come “aberranti” le modifiche alla normativa vigente. Ma vediamo quali sono queste variazioni.



Le modifiche alla normativa

Innanzitutto la riforma prevede che i richiedenti asilo paghino una tassa proporzionale ai costi sostenuti dai funzionari federali che esamineranno le istanze di protezione internazionale. Il valore della tassa sarà contenuto nell’ordine esecutivo che uscirà “entro agosto”. Secondariamente, il memorandum del tycoon spiega che verrà vietato alle imprese nazionali di assumere immigrati entrati illegalmente nel territorio Usa: una riforma che abolirebbe il diritto degli stranieri che hanno presentato istanza per lo status di rifugiati, di essere assunti dalle aziende americane – indipendentemente dal fatto che essi siano entrati negli Stati Uniti clandestinamente o meno. Tra le novità descritte nella nota della Casa Bianca vi sarà anche la “restrizione temporale”: gli uffici immigrazione avranno un periodo di tempo limitato per esaminare le domande e pronunciarsi favorevolmente o meno.  I funzionari federali non potranno impiegare “più di 180 giorni” dalla presentazione delle richieste e se nel frattempo il termine dovesse scadere queste dovranno considerarsi respinte.  Come specificavamo sopra, questo tipo di variazioni non si è ancora tradotto in ordine esecutivo e provvedimento legislativo, ma ha subito provocato lo sdegno di tutte le associazioni umanitarie. L’organizzazione Center for Constitutional Rights ha per esempio accusato Trump di “estorcere denaro a chi giunge in America spogliato di qualsiasi avere e con indosso a malapena qualche straccio.”

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta