Roma, 22 gen – Dieci persone sono rimaste uccise in una sparatoria e altrettante sarebbero rimaste ferite, nella città californiana di Monterey Park, vicino a Los Angeles. La sparatoria è avvenuta intorno alle 22:20 ora locale di sabato (domenica mattina in Italia). Migliaia di persone si erano precedentemente radunate in città per il festival del capodanno lunare di Monterey Park. Il dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles ha detto che stanno cercando un sospetto maschio fuggito dalla scena del crimine.

Dieci morti e dieci feriti a Monterey Park

Il capitano Andrew Meyer ha dichiarato che le squadre di emergenza sono arrivate ​​​​sul posto trovando gli avventori “che si riversavano fuori dal luogo urlando”. Dieci persone sono morte, mentre almeno altre 10 sono rimaste ferite e si trovano ora sotto cure mediche negli ospedali locali, dove le loro condizioni variano da stabili a critiche. Monterey Park conta una popolazione di circa 60.000 persone e ha una grande comunità asiatica. Secondo gli agenti, però, non ci sarebbe un movente chiaro ed è ancora troppo presto per parlare di crimine legato all’odio razziale, già annunciato da alcuni giornalisti locali.

Raffiche di mitra tra la folla

“Sembra che sia successo in una discoteca nelle vicinanze – dichiara il giornalista asiatico-americano Jeong Park – dove un uomo armato è entrato con quella che un testimone oculare ha descritto come una mitragliatrice, una pistola automatica che ha sparato più colpi, per lo più all’indirizzo di individui asiatici-americani”. Altri partecipanti al festival hanno affermato di aver sentito suoni che pensavano fossero fuochi d’artificio. Alcuni minuti dopo, però, con l’arrivo dei soccorsi e dei mezzi della polizia americana guidati dall’elicottero del dipartimento, i manifestanti hanno quindi appreso la cruda realtà dei fatti.

Si riaccende il dibattito sulle armi in USA

Quella di questa mattina a Monterey Park è una delle peggiori sparatorie nella storia moderna della California. La più terribile avvenne nel 1984, quando un uomo armato ha ucciso 21 persone in un ristorante McDonald’s a San Ysidro, vicino a San Diego. Questa ennesima sparatoria riapre ora negli States il lungo dibattito sulla libera vendita di armi da fuoco, già al centro delle passate campagne elettorali, in particolare nell’ultima Biden – Trump per le presidenziali.

Andrea Bonazza

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta