Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 giu – C’è una facciata delle proteste per l’omicidio di George Floyd in atto negli Stati Uniti che la narrazione mainstream sta volutamente mantenendo nell’ombra, e riguarda le violenze, i saccheggi e le devastazioni ai danni di strutture ed esercizi commerciali; episodi a cui spesso si accompagnano i pestaggi di chi tenta di difendere la propria attività – soprattutto se bianchi. Il tutto documentato da ore e ore di filmati che le principali testate giornalistiche ed emittenti televisive omettono di mostrare, ma che circolano – per ora — liberamente in rete. Come quella che vi presentiamo oggi, in cui un cittadino di Dallas viene massacrato da una folla inferocita composta da afroamericani e il solito codazzo di antifascisti bianchi compiacenti. La stessa folla poi lo lascia a terra privo di conoscenza e in una pozza di sangue, non prima di avergli frugato nelle tasche e averlo derubato di tutti i suoi effetti personali.

Il motivo di tanta ferocia? Secondo quanto riporta il DailyMail l’uomo stava cercando di proteggere, brandendo un machete, il proprio esercizio commerciale dalle decine e decine di saccheggiatori che stavano usando la morte di Floyd come pretesto per depredare i negozi della città. Con tutta probabilità l’intenzione dell’uomo era solo quella di spaventare gli aggressori. Per lui nulla da fare. Uno tsunami umano di aggressori gli si è lanciato addosso con una ferocia inaudita, tirandogli grosse pietre, saltandogli sopra la testa a piedi pari, colpendolo con calci, pugni e colpi di tavola da skateboard. Una scena atroce, culminata quando i «manifestanti» hanno derubato la vittima che giaceva prova di sensi in una pozza di sangue. La vittima dell’aggressione, fa sapere la polizia, è stata ricoverata nel più vicino ospedale ed è ora stabile.

Cristina Gauri

3 Commenti

  1. ma che vi venga un canchero….
    di quelli lenti e dolorosi:
    dopo aver visto questo video ,
    spero che i prossimi commercianti
    invece di un machete usino un fucile mitragliatore,
    e ne lascino per terra almeno un centinaio:
    non riconosco a questi bastardi lo status di esseri umani…
    sono animali rabbiosi,
    e gli animali rabbiosi VANNO ABBATTUTI.

  2. Ora avete capito perchè gli americani si sono affollati nei negozi di ARMI e non in quelli alimentari …. all’ inizio della pandemia ????

    sanno già che i NEGRI di merda si danno al saccheggio …..

    quando ho detto a mia moglie che , a parte la SCELTA delle armi l’ avrei fatto anch’ io …. m’ ha preso per matto …. ora è più POSSIBILISTA .

Commenta