Washington, 13 mar – Nuovo monito dagli Stati Uniti all’Italia sulla Belt and Road Iniziative, ovvero la “nuova Via della Seta”, un’intesa commerciale che il nostro Paese si sta apprestando a firmare con la Cina. Ricordiamo che  il sottosegretario allo Sviluppo economico Michele Geraci vorrebbe formalizzare l’intesa con la Cina già a fine marzo, in occasione della visita del presidente Xi Jinping in Italia. La mossa non è assolutamente piaciuta né a Washington né a Bruxelles: il progetto si estende tra Europa, Africa e Asia con una rete di collegamenti infrastrutturali, marittimi, terrestri, e comporterebbe un investimento di almeno 900 miliardi di dollari rischiando di mettere Pechino in una posizione egemonica rispetto a Europa e Usa.

“Accordo opaco” 

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Se si è arrivati a questo la colpa è solo di noi occidentali, perché siamo stati noi a permettere che la Cina divenisse in pochi decenni la “fabbrica del mondo”. Dal momento in cui si è diventati il paese con la più alta produzione industriale al mondo, è normale che si voglia ancor più esportare i propri prodotti, e certamente la Via della Seta va in questa direzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here