Amsterdam, 1 mar –  Nei prossimi numeri del fumetto di Paperino in Olanda apparirà per la prima volta una coppia di lesbiche: tutto questo per “accontentare” la piccola Fenna. La bimba di dieci anni è infatti il “frutto dell’amore” di due padri e due madri (non chiedeteci come ciò sia avvenuto). Certamente di sua sponte la bambina ha posto la questione attraverso notiziario per adolescenti, domandando perché non ci siano mai omosessuali sul giornalino dedicato al pennuto: “I miei genitori sono gay e lesbiche e penso sia importante venga considerato normale. Ma a Paperopoli è come se non esistessero affatto”.

“Si vedono sempre un sacco di coppie, alcune delle quali potrebbero anche essere Lgbt” ha dichiarato la bambina in un exploit invero molto “maturo” per la sua età. Il suggerimento, naturalmente, è  molto piaciuto a Joan Lommers, direttore della rivista – d’altronde l’inserimento di una coppia same sex in un fumetto della Disney non fa che seguire l’orientamento della multinazionale per l’infanzia sempre più prodiga di iniziative Lgbt. Lommers ha quindi subito disegnato l’immagine di una coppia lesbica seduta al tavolo di un bar, modificando una vignetta originale in cui c’era una scontata e banale coppia eterosessuale.

In mezzo alle due lesbiche l’autore ha inserito un cuoricino che testimonia l’intesa sessuale e romantica tra le due. Ma Fenna (o forse i suoi genitori) non sembra essere molto felice: definisce l’iniziativa svilente. E ben le sta: chiedere una “quota” arcobaleno su un giornalino per bambini quando non rientra nella trama o nel parterre dei personaggi non avrà mai un esito positivo. Una lezione di vita (non quella che sperava) per la bimbetta olandese – e per la famiglia che le sta dietro.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here